AMMESSO IL DIFFERIMENTO DELLA CONTESTAZIONE DISCIPLINARE AL LAVORATORE IN CASO DI PROCEDIMENTO PENALE
La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14103 del 20 giugno 2014, ha affermato che, ai fini dell’accertamento della sussistenza del requisito della tempestività della contestazione in tema di procedimento disciplinare, in caso di intervenuta sospensione cautelare di un lavoratore sottoposto a procedimento penale, la contestazione disciplinare per i relativi fatti può essere differita dal datore di lavoro in relazione alla pendenza del procedimento penale stesso, anche in ragione delle esigenze di tutela del segreto istruttorio.
Tags:
Condividi questo articolo
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato