Collaboratori a progetto: prestazione a domicilio e subordinazione

Con la sentenza n. 14760 del 14 giugno 2017, la Corte di Cassazione ha asserito che, in caso di collaborazione a progetto, il fatto che l’attività sia prestata a domicilio non esclude la subordinazione, soprattutto nel caso in cui il collaboratore sia soggetto a eterodirezione o siano riscontrate altre caratteristiche tipiche della subordinazione.

Il caso è quello di una società fornitrice di servizi informatici, la quale aveva impiegato lavoratori a progetto che, però, svolgevano l’attività tipica dei lavoratori a domicilio; la società oltre al personale dipendente, impiegava anche i lavoratori a progetto, i quali procedevano all’elaborazione dei dati direttamente dal proprio domicilio.

In sede ispettiva erano stati rilevati indici di subordinazione quali l’eterodirezione, l’assoggettamento a direttive, istruzioni e controlli, la natura delle mansioni consistenti nel mero inserimento di dati a computer.

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato