COME RICHIEDERE LA MATERNITÀ ANTICIPATA IN GRAVIDANZA?

Alle lavoratrici in gravidanza viene data la possibilità, in determinate condizioni, di poter iniziare  la maternità anticipatamente rispetto a quanto previsto dalla norma (normalmente due mesi prima della data del parto).

Le condizioni che possono portare all’astensione anticipata dal lavoro sono:

  • gravi complicanze della gravidanza o persistenti forme morbose;
  • condizioni lavorative pregiudizievoli alla salute della donna e del bambino e impossibilità di adibizione ad altre mansioni.

PROCEDURA PER LA RICHIESTA

Per poter aver diritto alla maternità anticipata, è necessario ottenere un apposito provvedimento che viene rilasciato:

  • dall’ASL nel caso in cui l’interdizione anticipata venga richiesta per gravi complicanze della gravidanza o persistenti forme morbose. In questo caso sarà il dipendente a presentare la relativa istanza;
  • dall’Ispettorato Territoriale del Lavoro (ITL), nel caso di condizioni lavorative pregiudizievoli alla salute della donna e del bambino, unitamente all’impossibilità di adibizioni ad altre mansioni. In questo caso sarà il datore di lavoro a presentare apposita istanza. Di questa fattispecie è, normalmente, fatta menzione nel documento di valutazione dei rischi (DVR) del datore di lavoro il cui estratto verrà inviato, di prassi unitamente all’istanza, alla ITL competente.

Il provvedimento di astensione anticipata copre il periodo che va dal momento di presentazione della domanda fino alla data di inizio del periodo di astensione obbligatoria (due mesi prima della data presunta del parto).

Nel caso in cui, la lavoratrice dipendente abbia più rapporti di lavoro part-time, sarà necessario ottenere un’istanza di interdizione dal lavoro per ogni rapporto in corso.

L’interdizione dal lavoro, può riguardare anche il periodo successivo la maternità obbligatoria. È questo il caso di mansioni incompatibili con il puerperio (e impossibilità di adibire la lavoratrice ad altre mansioni). Anche in questo caso, la proroga dell’aspettativa viene disposta con un provvedimento rilasciato dalla ITL.

QUANTO SPETTA

Durante i periodi di congedo di maternità la lavoratrice ha diritto a percepire un’indennità pari all’80% della retribuzione media globale giornaliera calcolata sulla base dell’ultimo periodo di paga precedente l’inizio del congedo di maternità, quindi, solitamente, l’ultimo mese di lavoro precedente il mese di inizio del congedo.

L’indennità, per le lavoratrici dipendenti, è anticipata in busta paga dal datore di lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale cliccando sul pulsante in fondo a questa pagina per non perdere gli aggiornamenti in materia di lavoro.

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
9 Dicembre 2020
Lo sapevi che…puoi usufruire della formazione finanziata per i tuoi dipendenti?
In qualità di datore di lavoro puoi usufruire della formazione finanziata. Ecco cos’è la formazione finanziat…
1 Dicembre 2020
Tutorial – Dimissioni Telematiche su Cliclavoro con accesso SPID
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5 – 21013 Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22 – 20145 Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: 03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato