CONTROLLO DELLA E-MAIL AZIENDALE DEL LAVORATORE E ASPETTI DISCIPLINARI

Controllo Mail Aziendale PaserioIl tema del controllo sulla posta elettronica del lavoratore e sull’utilizzo di internet sul posto di lavoro sono questioni di grande attualità stante il processo di trasformazione digitale e dei canali informatici, quindi gli interventi del Garante della Privacy così come le pronunce giurisprudenziali in materia di limiti applicabili al controllo dei lavoratori sono molteplici.

CONSEGUENZE DISCIPLINARI E VERIFICA DELLA POSTA ELETTRONICA

La domanda che il datore spesso si pone è “il controllo della posta elettronica del lavoratore è legittima? Rinvenire un illecito disciplinare controllando la posta può costituire giusta causa di licenziamento?”

La risposta della Cassazione con sentenza n. 26682/2017 è positiva purché l’accesso alle email aziendali non sia finalizzato ad un controllo dell’attività lavorativa del dipendente, ma dettato da un’azione ex post a seguito di un comportamento illecito del lavoratore o per verificare un’anomalia del sistema informatico. Per legittimare il controllo è inoltre rilevante la preventiva informazione da parte del datore ai lavoratori in ordine all’uso degli strumenti aziendali e le modalità con cui vengono posti in essere detti controlli.

Questo orientamento coincide con quello della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) il quale con la recente sentenza n. 41696/08 ha sancito che il datore che vigila le mail del dipendente viola il diritto alla vita privata ed alla corrispondenza, costituzionalmente garantiti, e in caso di monitoraggio deve comunicarne a quest’ultimo in via preventiva la natura e l’oggetto, oltre ai requisiti della non invasività del controllo e del giustificato motivo.

Anche il Garante della Privacy è concorde sul divieto del trattamento dei dati personali in mancanza di un’informativa circa il funzionamento dei sistemi informatici, essendo tale condotta una violazione del D.Lgs. n. 196/2003. Nel caso specifico del 2018 un dipendente lamentava una condotta illecita del datore per aver trattato i propri dati personali prelevati dalla posta elettronica e successivamente utilizzati per contestare un provvedimento disciplinare.

IL VADEMECUM PER IL CONTROLLO DELLE MAIL

In conclusione, per evitare di violare la privacy, bisogna seguire i seguenti step che costituiscono una sorta di vademecum:

  1. il dipendente deve essere informato sulle modalità e condizioni d’uso degli strumenti aziendali;
  2. il dipendente deve essere a conoscenza dell’eventuale possibilità di un controllo della posta elettronica;
  3. il datore deve ottemperare all’obbligo di esplicitare la natura e l’oggetto del controllo stesso;
  4. il lavoratore deve sapere quali sono le conseguenze, anche disciplinari, nel caso di indebito utilizzo degli strumenti esplicitati;
  5. il monitoraggio deve essere di carattere lavorativo e non attinente alla sfera privata.

Qualora le misure preventive adottate non fossero sufficienti per salvaguardare il patrimonio aziendale e l’immagine dell’azienda, è legittima la supervisione ex post della casella postale del dipendente.

È opportuno precisare però, che in ogni caso è rimessa sempre al giudice la valutazione delle ragioni giustificatrici del monitoraggio delle comunicazioni da parte del datore e la verifica dell’impossibilità di adottare metodi meno invasivi della sfera privata.


Iscriviti alla nostra newsletter settimanale cliccando sul pulsante in fondo a questa pagina per non perdere gli aggiornamenti in materia di lavoro.


 

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato