Conversione in Legge Decreto Dignità: regime transitorio e novità in materia di somministrazione

Come noto, con il D.L. n. 87/2018 (c.d. Decreto Dignità), con decorrenza 14 luglio 2018 sono state introdotte introdotte importanti novità in materia di contratti a termine, somministrazione e licenziamenti.

Tuttavia, in sede di conversione con la L. n. 96/2018, sono state apportate ulteriori modifiche ed è stato introdotto regime transitorio per i contratti a termine stipulati prima del 14 luglio 2018.

Il regime transitorio dei contratti a termine

La norma transitoria, introdotta in fase di conversione, consente di applicare la normativa previgente rispetto all’entrata in vigore del Decreto Dignità ai rinnovi ed alle proroghe di rapporti a termine fino al 31 ottobre 2018 purché instaurati prima del 14 luglio 2018.
Per gli altri contratti trova, invece, immediatamente applicazione la nuova disciplina.

Ciò significa che nel periodo 12/08/2018 – 31/10/2018 risultano applicabili le seguenti regole:

  • in caso di rinnovo o di proroga non è necessario apporre alcuna motivazione (contratto acausale);
  • la durata massima del contratto a termine è di 36 mesi (limite legale) o quella prevista dalla contrattazione collettiva essere aziendale;
  • le proroghe utilizzabili nell’arco dei 36 mesi sono 5 e non 4.

Cosa succede dal 1° novembre 2018?

Terminato il periodo transitorio, la nuova normativa produrrà appieno i propri effetti, pertanto:

  1. DURATA DEL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO: al contratto a tempo determinato può essere apposto un termine di durata non superiore a 12 mesi senza l’indicazione di alcuna ragione giustificatrice (contratto acausale).

Il contratto può avere una durata superiore, comunque non eccedente i 24 mesi (fatto salvo il diverso limite stabilito dalla contrattazione collettiva), solo in presenza di una causale che dovrà afferire ad una delle seguenti condizioni:

  1. esigenze temporanee e oggettive, estranee all’ordinaria attività;
  2. esigenze sostitutive di altri lavoratori;
  3. esigenze connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili, dell’attività ordinaria.
  4. PROROGHE: il numero di proroghe ammesse scende da 5 a 4. Il contratto a termine può essere prorogato liberamente (complessivamente fino a 4 volte) nei primi 12 mesi e, successivamente, solo in presenza di una delle causali di cui al punto precedente;
  5. RINNOVI: il contratto a termine può essere rinnovato solo a fronte delle causali di cui al punto precedente. Si precisa che, in caso di rinnovo, la causale è necessaria anche nei primi 12 mesi. In tale periodo, pertanto, risulta più opportuno ricorrere alle proroghe la cui applicazione è invece libera.

Le conseguenze in caso di violazione

A seguito del ricorso del lavoratore in caso di contratto a tempo determinato attivato illegittimamente, in caso di trasformazione del contratto a tempo indeterminato il giudice condanna il datore di lavoro al risarcimento del danno a favore del lavoratore stabilendo una indennità onnicomprensiva compresa tra 2,5 e 12 mensilità calcolate sull’ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR.

La funzione di questa indennità risarcitoria è quella di “coprire” il pregiudizio subito dal lavoratore, relativo al periodo intercorrente tra la scadenza del termine e la pronuncia con la quale è stata ordinata la ricostituzione del rapporto.

Invece, in caso di superamento del limite (legale, 20%, o contrattuale) di contratti a termine stipulabili, viene esclusa la trasformazione a tempo indeterminato e trova applicazione la sola sanzione, applicata dall’INL, pari al 20% della retribuzione, per ciascun mese o frazione di mese superiore a 15 giorni, se il numero dei lavoratori assunti in violazione è pari ad una unità: tale percentuale sale al 50% se il numero dei lavoratori assunti in violazione del limite percentuale è superiore ad uno.

Nel prossimo approfondimento tratteremo le agevolazioni all’assunzione, la somministrazione, l’indennità risarcitoria per licenziamento illegittimo e l’offerta di conciliazione.

Leggi anche:
Conversione in Legge del Decreto Dignità: ancora novità per le somministrazione

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato