Coronavirus – Bonus 100 euro ai lavoratori dipendenti: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Il Decreto “Cura Italia” ha previsto che ai lavoratori, con un reddito complessivo da lavoro dipendente relativo all’anno precedente di importo non superiore a euro 40.000, spetta un premio di euro 100 da rapportare al numero di giorni di lavoro svolti nella propria sede di lavoro durante il mese di marzo.

Occorre precisare che:

  • i lavoratori, che a fronte dell’emergenza Coronavirus, hanno svolto il proprio lavoro in smart-working, non potranno beneficiare del premio;
  • il bonus verrà riparametrato ai giorni svolti presso la sede di lavoro, ma non verrà riproporzionato in caso di lavoro part-time;
  • il premio non concorre a formare reddito da lavoro dipendente, pertanto non verrà assoggettato ad alcuna imposta;
  • si parla di reddito da lavoro dipendente e non anche di reddito assimilato a lavoro dipendente. Pertanto, resta inteso che il bonus spetterà esclusivamente ai lavoratori subordinati e non anche ai pensionati e ai collaboratori.

I datori di lavoro sostituti di imposta sono tenuti a riconoscere tale incentivo a partire dalla retribuzione corrisposta nel mese di aprile, o comunque entro le operazioni di conguaglio di fine anno.

A tal proposito, per consentire ai datori di lavoro sostituti di imposta di recuperare in compensazione il premio erogato ai dipendenti, l’Agenzia delle Entrate, con risoluzione n. 17/E del 31 marzo 2020, ha disposto l’istituzione dei seguenti codici tributo:

  • per i modelli F24, il codice “1699”. Tale codice è esposto nella sezione “Erario” in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati”;
  • per i modelli F24 “enti pubblici” (F24 EP), il codice “169E”. Tale codice è esposto nella sezione “Erario” (valore F) in corrispondenza delle somme indicate nel campo “importi a credito compensati”.

Si ricorda che, ai fini del recupero in compensazione di tali somme erogate ai dipendenti, in quanto crediti, i modelli F24 dovranno essere presentati esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, pena il rifiuto dell’operazione di versamento.

 

Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato