Coronavirus – Decreto “Cura Italia”: quali misure a sostegno delle imprese?

Per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Coronavirus attualmente in corso, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.L. n.18 del 17 marzo 2020, che prevede misure di sostegno economico per le famiglie, i lavoratori e le imprese.

In particolare, per quanto riguarda le misure a sostegno delle imprese, il D.L. dispone:

  • la CIGO (Cassa Integrazione Ordinaria) e l’assegno ordinario per i datori di lavoro iscritti al FIS (Fondo di Integrazione Salariale) con causale “emergenza COVID-19” per periodi decorrenti dal 23 febbraio 2020 per una durata massima di 9 settimane e comunque entro il mese di agosto 2020. Si precisa che: la CIGO è attivabile mediante procedura semplificata e non comporta limiti di accesso (anche chi è assunto da meno di 90 giorni può accedervi); l’assegno ordinario potrà spettare anche alle imprese che occupano dai 5 ai 15 dipendenti, che fino ad oggi risultavano escluse dal beneficio;
  • la CIGO (Cassa Integrazione Ordinaria) e l’assegno ordinario anche per le aziende che attualmente si trovano già in CIGS (Cassa Integrazione Straordinaria) o beneficiano di trattamenti di assegni di solidarietà. In caso di attivazione della CIGO o dell’assegno ordinario, si sospendono la Cassa Integrazione Straordinaria e l’assegno di solidarietà in corso.

L’INPS, con messaggio n. 1321 del 23 marzo 2020, ha illustrato i termini e le modalità previsti per la presentazione delle domande di CIGO e di assegno ordinario dei Fondi di Solidarietà.

  • la CIGD (Cassa Integrazione in Deroga) per tutti i datori di lavoro del settore privato, per i quali non trovino applicazione le tutele previste dalle vigenti disposizioni in materia di sospensione o riduzione di orario di lavoro, per un periodo non superiore a 9 settimane. Si precisa che per l’attivazione della CIGD, in caso di azienda con più di 5 dipendenti, è necessario stipulare, anche in via telematica, un previo accordo con le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative.

L’INPS, all’Allegato 1 del messaggio n. 1287 del 20 marzo 2020, ha fornito le prime indicazioni operative circa le modalità di richiesta e attivazione delle misure di Cassa integrazione ordinaria, Assegno ordinario e Cassa integrazione in deroga previste dal Decreto “Cura Italia”.

Si comunica, inoltre, che il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con Decreto del 24 marzo 2020, ha provveduto a ripartire le risorse economiche destinate alla Cassa Integrazione in Deroga sulla base del numero potenziale dei lavoratori che potranno beneficiare della stessa. Ha stabilito, poi, che:

  • nel caso di crisi per più unità produttive del medesimo datore di lavoro ubicate in 5 o più Regioni – Province autonome sul territorio nazionale, ai fini del coordinamento delle diverse procedure, la Cassa Integrazione in Deroga è riconosciuta dal Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali, per conto delle Regioni interessate;
  • la Cassa Integrazione in Deroga prevista dal D.L. 18/2020 è aggiuntiva rispetto a quella inizialmente prevista dal D.L. n. 9/2020 per le zone ex-zona rossa. Pertanto, le Regioni possono autorizzare la Cassa, con un unico provvedimento di concessione, per un periodo complessivamente non superiore a 13 settimane.

 

ASCOLTA I PODCAST

 

Leggi anche:

CORONAVIRUS – DECRETO “CURA ITALIA”: QUALI MISURE A SOSTEGNO DEI LAVORATORI?

CORONAVIRUS – DECRETO “CURA ITALIA”: COSA ACCADE AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E PREVIDENZIALI DOVUTI?

 

Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato