Coronavirus – divieto di licenziamento per GMO: previsto riconoscimento della NASPI

A tal proposito, il Ministero del Lavoro, con nota n. 5481 del 26 maggio 2020, ha precisato che l’indennità di NASPI deve essere riconosciuta al lavoratore, a prescindere da ogni valutazione in merito alla validità ed efficacia del licenziamento.

Pertanto, alla luce di tali premesse, è possibile riconoscere l’indennità di disoccupazione ai lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo successivamente al 17 marzo 2020, data di entrata in vigore del divieto.

Tuttavia, l’INPS fa presente che l’Istituto provvederà all’erogazione della NASPI con riserva di ripetizione della stessa nei casi in cui:

  • il licenziamento venga dichiarato nullo e il lavoratore sia reintegrato sul posto di lavoro;
  • il datore di lavoro revochi il licenziamento, chiedendo contestualmente, per il lavoratore riassunto, la Cassa Integrazione a partire dalla data di efficacia del precedente licenziamento.

 

Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
10 Dicembre 2020
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
9 Dicembre 2020
Lo sapevi che…puoi usufruire della formazione finanziata per i tuoi dipendenti?
In qualità di datore di lavoro puoi usufruire della formazione finanziata. Ecco cos’è la formazione finanziat…
1 Dicembre 2020
Tutorial – Dimissioni Telematiche su Cliclavoro con accesso SPID
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5 – 21013 Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22 – 20145 Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 07 32 77 | Fax: +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: 03654550122