Coronavirus: i contagi sul posto di lavoro sono infortuni sul lavoro

L’INAIL, con circolare n. 13 del 3 aprile 2020, ha fornito indicazioni in merito alla tutela degli infortuni sul lavoro per infezione da Coronavirus.

L’Istituto ha precisato che le infezioni da Coronavirus, contratte in occasione di lavoro da lavoratori assicurati all’INAIL, sono inquadrate come infortunio sul lavoro.

In particolare, per gli operatori sanitari, sussiste una presunzione di origine professionale dell’infortunio, data l’elevata probabilità che questi vengano a contatto con il virus.

Lo stesso principio è applicabile anche per ulteriori categorie di lavoratori, che operano in costante contatto con l’utenza, come, a titolo esemplificativo, i lavoratori front-office, cassieri, addetti alle vendite/banconisti, personale non sanitario operante all’interno degli ospedali con mansioni tecniche/di supporto/di pulizie, operatori del trasporto infermi.

Si segnala che l’INAIL ha reso disponibili alcune Faq in merito alle modalità di riconoscimento dell’infortunio alle categorie di lavoratori per le quali opera la presunzione di esposizione professionale.

La circolare, inoltre, fornisce istruzioni operative circa gli adempimenti a carico del medico competente e dell’azienda connessi alla denuncia di infortunio (Cfr. anche Circolare INAIL n. 22 del 20 maggio 2020).

L’INAIL, poi, con avviso del 4 maggio 2020, ha comunicato l’attivazione del servizio di triage telefonico e/o telematico volto a garantire assistenza ai soggetti infortunati da Coronavirus o a lavoratori sottoposti a isolamento fiduciario-in quarantena.

L’INAIL,inoltre, con comunicato stampa del 15 maggio 2020, ha precisato che dal riconoscimento del contagio come infortunio sul lavoro non deriva automaticamente una responsabilità del datore di lavoro. Infatti, la molteplicità delle modalità del contagio e la mutevolezza delle prescrizioni da adottare nei luoghi di lavoro, oggetto di continui aggiornamenti da parte delle autorità sulla base dell’andamento epidemiologico, rendono estremamente difficile configurare la responsabilità civile e penale dei datori di lavoro.

 

 

Per approfondire leggi anche:

Coronavirus: i contagi del personale sanitario sono infortuni sul lavoro

Condividi questo articolo
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato