Coronavirus – tirocini: è possibile riattivare i tirocini sospesi

La Regione Lombardia, con Nota del 15 maggio 2020, ha previsto la possibilità, a partire dal 18 maggio 2020, di attivare nuovi tirocini (curriculari-extracurriculari) e riattivare quelli sospesi per emergenza Coronavirus.

Prima di procedere all’attivazione o riattivazione di un tirocinio, occorre verificare:

  • che non vi siano restrizioni all’esercizio dell’attività o alla mobilità, in base ai codici Ateco e alle ordinanze in essere;
  • la presenza di condizioni che assicurino adeguati livelli di protezione dei lavoratori sul luogo di lavoro (uso di dispositivi di protezione individuale, distanza di sicurezza).

In assenza di tali presupposti, il tirocinio non può essere attivato o riattivato. Inoltre, qualora tali requisiti dovessero mancare in un secondo momento, il tirocinio dovrà essere interrotto.

La Nota della Regione fornisce, poi:

  • indicazioni circa i doveri del datore di lavoro nei confronti del tirocinante;
  • le verifiche che l’Ente Promotore è tenuto a compiere circa il rispetto dei Protocolli governativi e regionali.

La Regione Lombardia, con comunicato dell’11 maggio 2020, ha chiarito che il soggetto ospitante, ad avvio del tirocinio, non deve avere in corso procedure o sospensioni di CIG ordinaria o in deroga, per mansioni medesime a quelle del tirocinio, salvo il caso in cui ci siano accordi con le organizzazioni sindacali che prevedano tale possibilità.

Tuttavia, al fine di assicurare la continuità dei tirocini già avviati, è consentita la continuità o l’eventuale riattivazione di un tirocinio precedentemente sospeso, presso aziende che abbiano in corso sospensioni per CIG, anche nel caso in cui i  lavoratori della stessa unità operativa e adibiti alle stesse mansioni del tirocinante, siano stati sospesi a ore o a rotazione, sempre in presenza di accordi con le organizzazioni sindacali.

In caso di ripresa dell’attività, il tirocinio può ulteriormente rimanere sospeso per un periodo massimo di 30 giorni, qualora l’impresa non sia immediatamente in grado di garantire le condizioni di sicurezza necessarie per lo svolgimento dello stesso. Superato il termine di 30 giorni senza che il tirocinio sia stato riattivato, lo stesso dovrà essere interrotto.

Per quanto riguarda l’erogazione dell’indennità di tirocinio, si precisa che:

  • non è dovuta per il periodo di sospensione del tirocinio causa Covid-19;
  • in caso di tirocinio svolto in frazioni di mese prima e dopo la sospensione causa Covid-19, l’indennità dovrà essere riparametrata in base ai giorni lavorati.

 

Per approfondire leggi anche:

Coronavirus: come gestire i rapporti di tirocinio in Lombardia?

Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
9 Dicembre 2020
Lo sapevi che…puoi usufruire della formazione finanziata per i tuoi dipendenti?
In qualità di datore di lavoro puoi usufruire della formazione finanziata. Ecco cos’è la formazione finanziat…
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato