Danno da demansionamento: onere della prova a carico del lavoratore

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 32982/2019, ha affermato che la prova del danno da demansionamento e da dequalificazione professionale può essere offerta dal lavoratore anche attraverso l’allegazione di elementi presuntivi gravi, precisi e concordanti (ex art.2729 c.c.) 

La Suprema Corte, inoltre, ha precisato come l’onere della prova a carico del lavoratore di allegare in modo specifico i fatti a sostegno della propria tesi possa risultare alleggerito, qualora il dipendente si sia trovato in una situazione di totale inattività, senza l’assegnazione di mansioni o compiti.

Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato