Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?

 

Lo sapevi che puoi distribuire i cedolini paga con un click?

In questo periodo di emergenza sanitaria, stiamo guardando le cose da punti di vista diversi.

Mentre prima eravamo trasportati dalla quotidianità, che ci faceva ripetere alcune azioni in modo automatico, oggi abbiamo l’opportunità di pensare a soluzioni diverse, per fare quello che abbiamo sempre fatto ma in un modo completamente nuovo.

Pensiamo alla consegna delle buste paga.

Mentre prima, eravamo abituati a consegnare manualmente i cedolini paga, oggi anche questo piccolo gesto potrebbe essere un problema; magari perché non tutti i dipendenti sono presenti in azienda o semplicemente perché il responsabile delle risorse umane sta lavorando in smart-working.

Sta di fatto, che in questi casi, bisogna trovare una soluzione per automatizzare il processo.

Una di queste soluzioni è la distribuzione automatica dei cedolini paga; una soluzione semplice, che permette ai lavoratori dipendenti di accedere al portale con delle credenziali personalizzate e scaricare sia il proprio cedolino paga che il resto della documentazione messa a disposizione dall’azienda.

 

Cosa bisogna fare per attivare il servizio?

Prima di tutto occorre raccogliere gli indirizzi mail dei lavoratori, facendogli rilasciare una liberatoria per l’utilizzo dell’indirizzo mail personale; poi, occorre generare le credenziali, comunicando ai dipendenti che ogni volta che l’azienda pubblicherà della documentazione nella loro area riservata, gli arriverà un alert di preavviso.

È importante sapere che, in ogni momento, l’azienda ha la possibilità di visualizzare gli accessi.

La tracciabilità del dato per il datore di lavoro è utile anche ai fini dell’attestazione di avvenuta consegna del cedolino paga da esibire in caso di verifica ispettiva.

Lo dico, in quanto alcuni datori di lavoro, non sanno che la norma che prevede l’obbligo di consegna del prospetto paga è ancora vigente e sono previste sanzioni nel caso in cui l’azienda non sia in grado di dimostrarne l’avvenuta consegna.

Consegna che, ricordo, non può avvenire tramite una semplice mail in quanto non è una soluzione compliance ai fini del GDPR.

Le aziende interessate possono contattare il referente di studio per chiedere informazioni al riguardo.

Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato