Inidoneità fisica e mansioni diverse da quelle assegnate al lavoratore: scatta l’illegittimità del licenziamento
Con la sentenza n. 24377/2015, la Corte di Cassazione ha dichiarato illegittimo il licenziamento per sopravvenuta inidoneità fisica all’impiego se riferita ad una mansione diversa da quella assegnata al lavoratore. 
La suprema Corte ha osservato che l’assegnazione di un lavoratore a mansioni diverse e non superiori a quelle per le quali è stato assunto, anche col suo consenso costituisce atto o ai sensi dell’art. 2103; di conseguenza la sopravvenuta inidoneità fisica a quelle mansioni non può costituire giustificato motivo oggettivo di licenziamento, mentre la sopravvenuta inutilità delle mansioni di assunzione può costituire un diverso motivo di licenziamento. 
Tags:
Condividi questo articolo
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato