Integrazioni salariali: dopo la riforma, un maggior costo
A seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. n. 148/2015, è possibile affermare che le integrazioni salariali “costeranno” molto di più rispetto al passato e, proprio a causa di ciò, non sarà più possibile farvi ricorso con leggerezza. 
Analizziamo quali sono gli elementi che compongono il costo delle nuove integrazioni salariali:
CONTRIBUTO ADDIZIONALE IN CASO DI RICORSO AGLI INTERVENTI DI INTEGRAZIONE SALARIALE: tale contributo è pari al 9% della retribuzione persa se la fruizione resta all’interno dei 12 mesi, passa al 12% fino a due anni, per arrivare al 15% nell’eventualità di un periodo successivo fino al limite dei 36 mesi;
TFR: in precedenza il trattamento di fine rapporto maturato per le ore di sospensione o riduzione di orario era a carico dell’Inps; oggi il Tfr rimane a carico dell’imprenditore. 
CONTRIBUZIONE ORDINARIA APPRENDISTI: anche per questa categoria di lavoratori deve essere corrisposto il contributo ordinario per la CIGO che risulta pari all’1,70% per le aziende fino a 50 dipendenti e dell’1,90% oltre tale soglia. Inoltre, per le imprese destinatarie della CIGS (es. aziende commerciali con oltre 50 dipendenti) il contributo ordinario pari allo 0,90%, di cui 1/3 a carico del lavoratore, deve essere pagato anche per gli apprendisti anche sono possibili destinatari del solo trattamento per crisi aziendale;
INCREMENTO ADDIZIONALE PER LA MANCATA ROTAZIONE NEI TRATTAMENTI INTEGRATIVI STRAORDINARI: con apposito D.M. verrà delineato l’incremento del contributo addizionale, una sorta di importo sanzionatorio e legato alla mancata rotazione.

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato