LA PRESCRIZIONE DEI CREDITI DA LAVORO DIPENDENTE: COSA AFFERMA LA GIURISPRUDENZA?

Prescrizione Crediti da Lavoro Dipendente Giurisprudenza PaesrioCome accennato nel nostro precedente articolo, avendo correttamente identificato la durata della prescrizione dei crediti da lavoro dipendente, a seconda della tipologia di credito vantato, è necessario capire da quando far decorrere questo periodo.

COSA AFFERMA LA GIURISPRUDENZA?

Secondo la regola generale, la prescrizione inizia a decorrere dal momento della maturazione del diritto.

Tuttavia, secondo una giurisprudenza ormai consolidata, i termini di decorrenza della prescrizione cambiano a seconda che si ricada nell’una o nell’altra delle casistiche di seguito riportate:

  • DECORRENZA DELLA PRESCRIZIONE DALLA DATA DI INSORGENZA DEL DIRITTO, quindi in costanza del rapporto di lavoro: questa decorrenza si realizza nel caso in cui il rapporto di lavoro subordinato sia tutelato in maniera “forte” ovvero qualora, in caso di licenziamento illegittimo, lo stesso risulti sanzionabile con l’obbligo di reintegrazione (tutela reale).
  • DECORRENZA DELLA PRESCRIZIONE DALLA DATA DI CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO: si tratta, ovviamente, di una condizione di maggior favore per il lavoratore che si realizza nel caso in cui non operi la garanzia offerta dalla reintegra ovvero qualora, in caso di licenziamento illegittimo, lo stesso risulti sanzionabile esclusivamente con il risarcimento del danno (tutela obbligatoria).

In pratica, è possibile affermare che la decorrenza della prescrizione dipenda dal grado di stabilità del rapporto di lavoro e, indirettamente, dalla dimensione dell’azienda.

COSA CAMBIA CON LE TUTELE CRESCENTI

È opportuno ricordare che con le modifiche alla disciplina del licenziamento ad opera, in particolar modo, del D.Lgs. n. 23/2015 (c.d. tutele crescenti), che hanno cambiato la portata dell’art. 18 della L. n. 300/1970 e della disciplina della “tutela reale” in esso contenuta, la reintegra è ormai divenuta un istituto applicato solo in via residuale rispetto al risarcimento del danno in tutte le sue declinazioni, anche nel caso di aziende con più di 15 dipendenti.

Di conseguenza, meritano una riflessione le seguenti considerazioni:

  • LAVORATORI ASSUNTI ANTE TUTELE CRESCENTI (ai quali è ancora applicabile il c.d. articolo 18 riformato), la prescrizione dei crediti di lavoro decorrerà:
  • dal momento dell’insorgenza del diritto in costanza del rapporto di lavoro, qualora l’illegittimità del licenziamento sia sanzionabile con la reintegra (tutela reale);
  • dalla cessazione del rapporto di lavoro, qualora l’illegittimità del licenziamento sia sanzionabile con il riconoscimento di un’indennità risarcitoria (tutela obbligatoria).
  • LAVORATORI ASSUNTI POST TUTELE CRESCENTI, la prescrizione dei crediti da lavoro decorrerà a partire dalla cessazione del rapporto di lavoro, indipendentemente dalla dimensione occupazionale del datore di lavoro.

Per approfondimenti:
LA PRESCRIZIONE DEI CREDITI DA LAVORO DIPENDENTE
VIDEO TG – La prescrizione dei crediti da lavoro

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale cliccando sul pulsante in fondo a questa pagina per non perdere gli aggiornamenti in materia di lavoro.

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato