La somministrazione di lavoro dopo il Decreto Dignità

Un altro istituto che, insieme al contratto a termine, ha subito importanti modifiche a seguito dell’entrata in vigore del Decreto Dignità è la somministrazione di lavoro.
Analizziamo le novità.

Le proroghe

In considerazione del fatto che il Decreto Dignità non ha abrogato quanto disposto dell’art. 34 c. 2 del D.Lgs. n. 81/2015, si potrebbe anche ipotizzare che il numero massimo di proroghe possa considerarsi ancora ancorato alle previsioni del CCNL delle Agenzie di somministrazione; quindi un massimo di  6 proroghe per singolo contratto.
Tuttavia, sul punto, è opportuno attendere i dovuti chiarimenti.

La durata

Anche al contratto a tempo determinato in somministrazione può essere apposto un termine di durata non superiore a 12 mesi senza l’indicazione di alcuna ragione giustificatrice (contratto acausale).
Il contratto può avere una durata superiore, comunque non eccedente i 24 mesi, solo in presenza di una causale.

Le causali

L’obbligo di indicazione delle causali è stato esteso, al pari di quanto previsto per il contratto a termine, anche al contratto di somministrazione a tempo determinato.
Ricordiamo che, al momento, si tratta di causali definite in termini generali dalla norma e non vi è alcun rimando alla loro individuazione da parte della contrattazione collettiva. Le stesse risultano così declinate:

  • esigenze temporanee e oggettive, estranee all’ordinaria attività, ovvero esigenze sostitutive di altri lavoratori;
  • esigenze connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili, dell’attività ordinaria.

Stop and go

Siccome il decreto è intervenuto prevedendo l’applicazione anche ai rapporti a termine istaurati tra agenzie e lavoratori della disciplina del contratto a termine, trova applicazione anche alla somministrazione la necessità di prevedere una pausa tra un contratto e l’altro (c.d. stop and go).

Cosa è escluso dall’applicazione della disciplina del contratto a termine?

Posto che, come già visto, al rapporto a termine in somministrazione si applica la disciplina del contratto a termine, resta comunque esclusa l’applicazione:

  • del contingentamento (obbligo di rispetto dei limiti numerici da parte dell’agenzia di somministrazione);
  • del diritto di precedenza.

Leggi anche: Decreto Dignità: dal 14 luglio novità per i contratti a termine, somministrazione e licenziamenti

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato