La tolleranza sui ripetuti ritardi del lavoratore rende nullo il licenziamento

tolleranza ritardi lavoratore licenziamento nullo studio paserioCon la sentenza n. 10003 del 16 maggio 2016, la Corte di Cassazione ha asserito che la tolleranza sui ripetuti ritardi del lavoratore può rendere nullo il licenziamento.

Infatti è stato chiarito che qualora il datore di lavoro abbia consentito, nel tempo, il recupero dei minuti non lavorati a causa di ripetuti ritardi nell’inizio della prestazione lavorativa, questa situazione non potrà, successivamente, costituire causa di licenziamento.

Gli Ermellini hanno inoltre chiarito che, affinché un ritardo possa far scaturire una sanzione disciplinare, quale appunto il licenziamento, è necessario che tale condotta sia annoverata tra quelle riportate all’interno del codice disciplinare adottato in azienda.

Si rammenta infine che il datore di lavoro ha comunque l’onere di dimostrare, in giudizio, la proporzionalità del licenziamento rispetto alla gravità della condotta del lavoratore.

 

 

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato