Lavoro intermittente: illegittimo se espressamente vietato dal CCNL

Lavoro intermittente illegittimo se espressamente vietato dal CCNL paserioCon la nota n. 18194 del 4 ottobre 2016, il Ministero del Lavoro è intervenuto in materia di contratti di lavoro intermittente e, nello specifico, al caso in cui questo risulti espressamente vietato dal CCNL.

È stato specificato che l’utilizzo di tale contratto è illecito qualora sia espressamente vietato nella contrattazione collettiva.

Infatti, ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. n. 81/2015, solo la mancanza della previsione contrattuale può far sì che venga attivato il contratto intermittente, qualora l’attività da avviare con questa contrattualistica, sia una delle attività previste dal RD 2657/1923, ovvero vi siano i requisiti soggettivi collegati all’età.

quindi la violazione delle clausole contrattuali che escludano il ricorso al lavoro intermittente determina, laddove non sino verificati i requisiti soggettivi, una carenza in ordine alle condizioni legittimanti l’utilizzo di tale forma contrattuale (con la conseguente applicazione della sanzione della conversione in rapporto di lavoro a tempo pieno ed indeterminato).

Tags:
Condividi questo articolo
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato