LE COLLABORAZIONI NELLE SOCIETÀ ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE: COSA CAMBIA DAL 2018?

Compensi e Collaborazioni Sportivi 2018 PaserioLa Legge di Bilancio 2018 ha previsto delle importanti novità in materia di collaborazioni nelle società ed associazioni sportive dilettantistiche.

L’INQUADRAMENTO GIUSLAVORISTICO

L’art. 1 c. 358 e ss. della Legge di Bilancio 2018 ha disciplinato l’inquadramento giuslavoristico delle collaborazioni rese a fini istituzionali in favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche colmando un vuoto normativo che si è protratto fino ad oggi.

In particolare, la norma ha stabilito che queste collaborazioni costituiscono CONTRATTI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA.

Che tipo di risvolto pratico ha questa nuova disciplina?

In primis dal punto di vista dei nuovi adempimenti in quanto le associazioni e le società sportive dovranno:

  • inviare preventivamente il modello UNILAV;
  • provvedere alle opportune scritturazioni sul Libro Unico del Lavoro.

Ovviamente anche tutti i contratti andranno rivisti in tal senso: si dovrà passare dalle ormai superate “lettere di incarico” ad un contratto di collaborazione coordinata e continuativa a tutti gli effetti.

Le tipologie di prestazioni per le quali sarà possibile attivare contratti di collaborazione sono comunque quelle individuate dal CONI (per consultare le discipline riconosciute clicca qui).

I RISVOLTI FISCALI

L’inquadramento giuslavoristico deve necessariamente essere letto in abbinata con la disciplina fiscale per quanto riguarda i contratti di collaborazione coordinata e continuativa resi in favore di associazioni e società sportive. Infatti:

  • i compensi saranno considerati fiscalmente come redditi diversi (art. 67, c. 1 lettera m), del TUIR) con soglia di esenzione fino a 10.000 euro e con ritenuta d’acconto al 20% oltre tale soglia se stipulati da società ed associazioni sportive dilettantistiche senza fini di lucro riconosciute dal CONI;
  • i compensi saranno considerati fiscalmente come redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (art. 50 del TUIR) se stipulati dalle società dilettantistiche lucrative riconosciute dal CONI.

All’atto pratico, non esistono più i vecchi “compensi esenti”: le associazioni e le società sportive senza scopo di lucro e riconosciute dal CONI potranno comunque utilizzare i nuovi co.co.co. con soglia di esenzione a 10.000 euro mentre per le lucrative avremo un co.co.co. tradizionale che, quindi, realizza reddito assimilato a quello da lavoro dipendente.

Per le società sportive lucrative le novità non sono finite: infatti, sempre dal 1° gennaio 2018, i compensi dei co.co.co. dovranno essere assoggettati a contribuzione INPS exEnpals (fondo pensione lavoratori dello spettacolo) con contribuzione dovuta, nei primi 5 anni, in misura pari al 50% del compenso spettante al collaboratore).


Iscriviti alla nostra newsletter settimanale cliccando sul pulsante in fondo a questa pagina per non perdere gli aggiornamenti in materia di lavoro.


 

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato