Legge di Stabilità 2016: principali novità in materia di lavoro
Sul Supplemento Ordinario n. 70 alla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 30 dicembre 2015, è stata pubblicata la Legge 28 dicembre 2015 n. 208 (c.d. Legge di Stabilità 2016), entrata in vigore il 1° gennaio 2016.
Di seguito riportiamo le principali novità in materia di lavoro.
ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO 2016: l’esonero contributivo, in caso di assunzioni a tempo indeterminato, è riconosciuto per un periodo massimo di 24 mesi e riguarda il 40% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro nel limite massimo di 3.250 euro su base annua, sempre con esclusione dei premi e contributi dovuti all’Inail. Per i datori di lavoro privati operanti nelle Regioni Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna, viene prevista l’estensione dell’esonero contributivo anche alle assunzioni a tempo indeterminato effettuate nell’anno 2017;
– ESONERO CONTRIBUTIVO IN AGRICOLTURA PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO 2016: per i datori di lavoro del settore agricolo l’esonero contributivo si applica, nei limiti delle risorse stanziate, con riferimento alle nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato con esclusione dei lavoratori che nell’anno 2015 siano risultati occupati a tempo indeterminato e relativamente ai lavoratori occupati a tempo determinato che risultino iscritti negli elenchi nominativi per un numero di giornate di lavoro non inferiore a 250 giornate con riferimento all’anno 2015. L’esonero contributivo è riconosciuto dall’Inps in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande;
DETASSAZIONE 2016: per i lavoratori, con reddito da lavoro dipendente fino a 50.000 euro è prevista l’applicazione di una imposta sostitutiva dell’Irpef con aliquota pari al 10% entro il limite di importo complessivo di 2.000 euro lordi ovvero a 2.500 euro per le imprese che coinvolgano pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro, per le somme e ai benefit corrisposti per incrementi di produttività o sotto forma di partecipazione agli utili dell’impresa. Affinché sia possibile godere dell’imposta agevolata è necessario che l’erogazione avvenga in esecuzione di contratti aziendali o territoriali sottoscritti dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale o dalle loro rappresentanze sindacali aziendali o dalle RSU (per la piena operatività della norma è necessario attendere l’emanazione di un decreto interministeriale);
– DEDUCIBILITÀ IRAP PER IL COSTO DEL LAVORO DEGLI STAGIONALI: il costo del lavoro dei lavoratori stagionali è deducibile, ai fini IRAP, nei limiti del 70% della differenza tra il costo complessivo per ogni lavoratore stagionale e le (eventuali) deduzioni spettanti in base ai diversi commi dell’articolo 11 del D.Lgs. n. 446/1997. Tale soglia di deducibilità è limitata da un ulteriore parametro “confermativo” in quanto essa si calcola per ogni lavoratore stagionale impiegato per almeno 120 giorni per due periodi d’imposta, a decorrere dal secondo contratto stipulato con lo stesso datore di lavoro nell’arco di due anni a partire dalla data di cessazione del precedente contratto. La deduzione si applica dal 1° gennaio 2016;
– ALIQUOTE CONTRIBUTIVE GESTIONE SEPARATA per il 2016: per i lavoratori autonomi l’aliquota contributiva è confermata al 27% mentre per i collaboratori è previsto un aumento dell’aliquota pensionistica al 31% (a queste percentuali va poi aggiunta l’aliquota dello 0,72% destinata all’assistenza). Dal 1° gennaio 2016, aumenta al 24% anche l’aliquota contributiva pensionistica dovuta per i lavoratori autonomi titolari di pensione o assicurati anche presso altre forme pensionistiche obbligatorie;
– AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA: è stato disposto il rifinanziamento per l’anno 2016 degli ammortizzatori sociali in deroga;
– CONGEDO OBBLIGATORIO DI PATERNITÀ: prorogato il congedo obbligatorio di paternità per il lavoratore dipendente, da fruire entro i 5 mesi dalla nascita del figlio, che viene elevato da 1 a 2 giorni. È stato prorogato anche il congedo facoltativo da utilizzare nello stesso periodo, in alternativa alla madre che si trovi in astensione obbligatoria;
– PART-TIME PER I LAVORATORI VICINI ALLA PENSIONE DI VECCHIAIA: per i lavoratori del settore privato assunti con contratto di lavoro a tempo pieno e indeterminato e che maturano entro la fine dell’anno 2018 il diritto al trattamento pensionistico di vecchiaia, è prevista la possibilità di ridurre l’orario di lavoro in misura compresa tra il 40% e il 60%. Detto accordo dovrà essere comunicato all’Inps ed alla DTL che dovrà autorizzare la riduzione dell’orario e una volta autorizzato, l’Inps potrà concedere il beneficio della contribuzione figurativa commisurata alla retribuzione corrispondente alla prestazione lavorativa non effettuata. Inoltre, a fronte del taglio di orario, il dipendente riceverà da parte del proprio datore di lavoro, una somma, non gravata da oneri fiscali e previdenziali, corrispondente alla contribuzione ai soli fini pensionistici relativa alla prestazione lavorativa non effettuata;
– INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE PER I COLLABORATORI (c.d. DIS-COLL): prorogata l’indennità di disoccupazione per i lavoratori titolari di rapporti di collaborazione, in relazione agli eventi di disoccupazione verificatisi a decorrere dal 1º gennaio 2016 e sino al 31 dicembre 2016.


Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
9 Dicembre 2020
Lo sapevi che…puoi usufruire della formazione finanziata per i tuoi dipendenti?
In qualità di datore di lavoro puoi usufruire della formazione finanziata. Ecco cos’è la formazione finanziat…
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato