Legittimità del licenziamento per scarso rendimento e immediatezza della contestazione
Con la sentenza n. 14310/2015 la Corte di Cassazione è intervenuta in materia di licenziamento per scarso rendimento e immediatezza della contestazione.
La suprema Corte ha rammentato che la sussistenza del requisito dell’immediatezza della contestazione degli addebiti va intesa in senso relativo, nel senso che è necessario tener conto del tempo necessario per l’accertamento e la valutazione dei fatti da parte del soggetto abilitato ad esprimere la volontà imprenditoriale di recedere. Ciò significa che il datore di lavoro può servirsi di un congruo periodo di osservazione per valutare la condotta del lavoratore e e per valutare l’eventuale violazione del dovere di diligenza e collaborazione. 
Il licenziamento per “scarso rendimento” costituisce un’ipotesi di recesso del datore per notevole inadempimento degli obblighi contrattuali del prestatore. Si rammenta che nel contratto di lavoro subordinato, il lavoratore non si obbliga al raggiungimento di un risultato ma alla messa a disposizione del datore delle proprie energie, nei modi e nei tempi stabiliti, con la conseguenza che il mancato raggiungimento
del risultato prefissato non costituisce di per sé inadempimento, giacché si tratta di lavoro subordinato e non dell’obbligazione di compiere un’opera o un servizio, a differenza di quanto avviene per il lavoro autonomo.
Quando però siano individuabili dei parametri utili ad accertare che la prestazione sia eseguita con la diligenza e professionalità medie, proprie delle mansioni affidate al lavoratore, il discostamento dai detti parametri può costituire segno o indice di non esatta esecuzione della prestazione . 
In tal senso è necessario valutare la condotta nel suo complesso per un’apprezzabile periodo di tempo, tenendo comunque presente che trattandosi di lavoro dipendente, il mancato raggiungimento del parametro non va confuso con l’oggetto dell’accertamento, che è costituito dall’inesatta o incompleta o mancata esecuzione della prestazione.
Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato