Legittimità del trasferimento: onere della prova a carico del datore di lavoro

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 22100/2019, ha chiarito chein tema di mutamento della sede di lavoro del lavoratore (trasferimento)sebbene: 

  • il provvedimento di trasferimento del dipendente non sia soggetto ad alcun onere di forma e non debba necessariamente contenere l’indicazione dei motivi del trasferimento, 
  • il datore di lavoro non sia tenuto a rispondere al lavoratore che voglia conoscere le ragioni del trasferimento 

laddove sia contestata la legittimità del trasferimento, il datore di lavoro ha l’onere di allegare e provare in giudizio le fondate ragioni che lo hanno determinato. 

La Corte, inoltre, ha precisato che qualora il datore di lavoro abbia la facoltà di integrare o modificare la motivazione eventualmente enunciata nel provvedimento, non possa limitarsi a negare la sussistenza dei motivi di illegittimità, oggetto di allegazione e richiesta probatoria della controparte, ma debba comunque dimostrare le reali ragioni tecniche, organizzative e produttive che giustificano il trasferimento. 

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato