Licenziamenti collettivi e quota di riserva

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 10415/2020, ha affermato che il licenziamento per riduzione di personale o per giustificato motivo oggettivo, esercitato nei confronti del lavoratore occupato obbligatoriamente, è annullabile qualora rimanga in forza un numero di lavoratori disabili inferiore alla quota di riserva.

In situazioni di crisi aziendale, infatti, il divieto di intaccare la quota di riserva è giustificato e compensato dalla possibilità, per il datore di lavoro che usufruisce della Cassa Integrazione, di essere esonerato dall’assumere nuovi invalidi.

Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato