Mancata verifica della regolarità della firma? È legittimo il licenziamento

Con la sentenza n. 5273 del 1° marzo 2017, la Corte di Cassazione ha dichiarato legittimo il licenziamento del lavoratore che ha sottoscritto un documento e lo ha lasciato nella disponibilità di un subordinato per far apporre la firma del cliente, senza, di conseguenza, verificare la regolarità o la falsità della sottoscrizione.

Al lavoratore è stato correttamente applicato il principio di diritto in ordine al carattere di grave negazione degli elementi essenziali del rapporto di lavoro e, in particolare, dell’elemento fiduciario: da un lato, infatti, abbiamo la gravità dei fatti addebitati al lavoratore, in relazione alla portata oggettiva e soggettiva dei medesimi, alle circostanze nelle quali sono stati commessi e all’intensità del profilo intenzionale; dall’altro, vi è proporzionalità fra tali fatti e la sanzione inflitta.

 

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato