Mancato rispetto delle norme in materia di sicurezza: disconoscimento dei benefici contributivi

Con sentenza n. 21053 dell’11 settembre 2017, la Corte di Cassazione ha asserito che il mancato rispetto delle norme in materia di sicurezza, anche solo sotto l’aspetto formale e non sostanziale, comporta per l’azienda il disconoscimento dei benefici contributivi in materia di lavoro.

Questo in quanto la normativa pone una serie di adempimenti tutti inderogabili posti a protezione di diritti costituzionalmente garantiti ed in tale contesto, qualunque adempimento previsto per il datore di lavoro, anche quelli formali come ad esempio le comunicazioni agli istituti dei responsabili designati, è presidio della corretta e completa applicazione delle disposizioni previste dalla norma.

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato