OBBLIGO DI CONSEGNA DEL CEDOLINO PAGA E DIVIETO DI PAGAMENTO IN CONTANTI DELLE RETRIBUZIONI

divieto pagamento delle retribuzioni - consegna busta paga PaserioIn base a quanto stabilito dalla Legge n. 205 del 27 dicembre 2017, a far data dal 1° luglio 2018 i datori di lavoro non potranno più pagare in contanti la retribuzione, ma dovranno effettuare i pagamenti (compresi eventuali anticipi di retribuzione), attraverso una banca o un ufficio postale con uno dei seguenti mezzi:

  1. a) bonifico sul conto corrente bancario;
  2. b) strumenti di pagamento elettronico;
  3. c) pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento;
  4. d) emissione di un assegno consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato (l’impedimento s’intende comprovato quando il delegato a ricevere il pagamento è il coniuge, il convivente o un familiare, in linea retta o collaterale, del lavoratore, purché di età non inferiore a sedici anni).

PREVISIONI NORMATIVE

Con la Legge n. 4 del 5 gennaio 1953 è stato introdotto l’obbligo ai datori di lavoro, peraltro mai superato, di consegnare ai lavoratori dipendenti, all’atto della corresponsione della  retribuzione, un prospetto di paga in cui devono essere indicati  il  nome, cognome e qualifica professionale del lavoratore, il  periodo cui la retribuzione si riferisce, gli assegni familiari e tutti gli altri elementi che, comunque, compongono la retribuzione, nonché, distintamente, le singole trattenute. Tale prospetto paga deve portare la firma, sigla o timbro del datore di lavoro o di chi ne fa le veci. Con prospetto paga non si intende necessariamente la copia del cedolino paga vidimato, ma un prospetto riepilogativo su cui devono essere presenti tutti gli elementi essenziali registrati anche sul LUL (libro unico del lavoro).

Per quanto riguarda il nuovo divieto di pagamento delle retribuzioni in contanti, per rapporto di lavoro, si intende ogni rapporto di lavoro subordinato, indipendentemente dalle modalità di svolgimento della prestazione e dalla durata del rapporto, nonchè ogni rapporto di lavoro originato da contratti di collaborazione coordinata e continuativa e dai contratti di lavoro instaurati in qualsiasi forma dalle cooperative con i propri soci.

A tal proposito, è opportuno precisare che, ai fini probatori, dovrà essere tenuta agli atti la ricevuta dell’avvenuta consegna ai lavoratori del prospetto paga, sia in caso di consegna cartacea che telematica . ***Vi informiamo che lo Studio dispone di strumenti per la consegna telematica dei prospetti paga che permettono di alleggerire notevolmente l’impegno amministrativo connesso alla consegna e sottoscrizione dei prospetti – contattaci***

Comunque la firma apposta dal lavoratore sulla busta paga non costituisce prova dell’avvenuto pagamento della retribuzione, ma solo dell’avvenuta consegna.

Le suddette disposizioni non si applicano ai rapporti di lavoro istaurati con le pubbliche amministrazioni e a quelli rientranti nell’ambito di applicazione dei contratti collettivi nazionali per gli addetti a servizi familiari e domestici.

DIVIETI

La mancata consegna del prospetto paga al dipendente e l’inesattezza delle registrazioni riportate, è sanzionata amministrativamente con una sanzione che va da euro 150,00 ad euro 7.200,00 in base al numero di lavoratori e di mesi interessati all’omissione.

I datori di lavoro o committenti non possono corrispondere la retribuzione per mezzo di denaro contante direttamente al lavoratore, qualunque sia la tipologia del rapporto di lavoro instaurato.

Al datore di lavoro o committente che viola questo obbligo si applica la sanzione amministrativa pecuniaria consistente nel pagamento di una somma da 1.000,00 euro a 5.000,00 euro.

PER APPROFONDIMENTI:
RETRIBUZIONI IN CONTANTI: STOP! DAL 1° LUGLIO PARTONO DIVIETO E SANZIONI


Iscriviti alla nostra newsletter settimanale cliccando sul pulsante in fondo a questa pagina per non perdere gli aggiornamenti in materia di lavoro.


 

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato