Obbligo di repêchage in caso di soppressione del posto di lavoro

repechage studio paserioCon la sentenza n. 26467 del 21 dicembre 2016, la Corte di Cassazione ha asserito che in caso di licenziamento a seguito di soppressione del posto di lavoro, il datore di lavoro ha l’obbligo di procedere con il repêchage.

Infatti, il datore deve identificare e comunicare al lavoratore le altre posizioni aziendali disponibili, sia pur di contenuto professionale inferiore (mansioni non equivalenti) e ha l’onere di prospettare al lavoratore la possibilità di essere utilizzato in tali mansioni quale alternativa rispetto alla cessazione per soppressione del posto di lavoro.

 

 

Tags:
Condividi questo articolo
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato