Omesso versamento delle ritenute dovute in base alla dichiarazione: punibilità del datore di lavoro da 150.000 euro
Con la circolare n. 331248 del 10 novembre 2015 la Guardia di Finanza ha fornito istruzioni in merito alla corretta applicazione del nuovo regime sanzionatorio tributario previsto dal D.Lgs. n. 158/2015, il quale prevede l’applicazione della sanzione al datore di lavoro sostituto d’imposta anche per l’omesso versamento delle ritenute dovute in base alla dichiarazione, ampliando l’oggetto della tutela penale, che originariamente riteneva che costituisse reato solo la condotta del sostituto che non versava le ritenute certificate.
L’attuale formulazione invece sanziona anche l’omesso versamento delle ritenute dovute in base alla dichiarazione, quindi per configurare il reato di omesso versamento delle ritenute, le omissioni non devono più necessariamente risultare dalla certificazione rilasciata ai sostituiti, ma è sufficiente che esse siano dovute in base alla dichiarazione. 
Un’altra novità consiste nell’innalzamento della soglia di punibilità, che passa da 50.000 euro a 150.000 euro.
Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato