Patto di prova: illegittimo se apposto dopo una successione di contratti a termine

Con la sentenza n. 4635 del 9 marzo 2016, la Corte di Cassazione ha stabilito che è da ritenersi illegittima l’apposizione del patto di prova nel nuovo contratto a tempo indeterminato qualora lo stesso lavoratore sia stato precedentemente alle dipendenze del datore di lavoro con diversi rapporti di lavoro a termine.

La Corte ha più volte affermato che la ratio del “periodo di prova” consiste nella tutela dell’interesse comune alle due parti del rapporto di lavoro, in quanto diretto a verificare la reciproca convenienza del contratto; pertanto il patto deve considerarsi nullo ove la suddetta verifica sia già avvenuta con esito positivo, per le specifiche mansioni in virtù di prestazione resa dallo stesso lavoratore, per un congruo lasso di tempo, a favore del medesimo datore di lavoro.

 

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato