PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI: COME FUNZIONA LA RECIDIVA?

Quando ci accingiamo ad istruire l’iter disciplinare nei confronti di un lavoratore un aspetto da non sottovalutare e particolarmente importante ai fini dell’applicazione dei provvedimenti disciplinari, è quello della c.d. recidiva. Cos’è, come funziona e perché è importante?

CHE COS’È LA RECIDIVA

La recidiva consiste nella reiterazione di comportamenti illeciti, sotto l’aspetto disciplinare, da parte del lavoratore.

È prevista dal comma 8 dell’art. 7 della L. n. 300/1970 e la sua funzione è quella di aggravare, dal punto di vista dell’illecito, il comportamento del lavoratore, rilevante dal punto di vista disciplinare.

La norma limita il raggio d’azione temporale di efficacia della recidiva al biennio successivo l’applicazione del provvedimento disciplinare (cioè non il momento di commissione dell’illecito da parte del lavoratore ma quello della irrogazione del provvedimento stesso che corrisponde, quindi, al momento nel quale è stata formalmente comunicata la sanzione disciplinare).

Ne deriva che saranno da considerare utili ai fini della recidività soltanto le sanzioni effettivamente applicate e non quelle che, pur commesse e conosciute, non sono state ancora sanzionate né tantomeno quelle per cui non si è nemmeno proceduto ad avviare l’iter disciplinare nonché quelle annullate dal giudice o dal collegio arbitrale.

È opportuno comunque ricordare che vige il divieto di reiterazione del potere disciplinare: infatti, dopo che il datore ha sanzionato un determinato comportamento adottato dal lavoratore, non potrà esercitare una seconda volta il potere disciplinare per quei medesimi fatti; come detto, potrà invece tener conto di quegli stessi fatti e delle sanzioni applicate, entro il biennio, ai fini della recidiva.

COME FUNZIONA E PERCHÉ È IMPORTANTE

Nella pratica, in presenza di recidiva, allorquando il lavoratore ponga in essere una condotta che, secondo il datore di lavoro, integri gli estremi dell’illecito disciplinare, nel rispetto del dettato della contrattazione collettiva, della procedura e dei principi del richiamato articolo 7, potrà essere adottata una sanzione più grave rispetto a quella che sarebbe stata applicabile in assenza di recidiva.

Alcuni contratti collettivi prevedono che, in presenza di recidiva, il datore di lavoro possa arrivare ad applicare una sanzione di natura espulsiva (licenziamento); il CCNL metalmeccanica industria ne è un esempio.

La recidiva, in linea di massima, deve essere sempre contestata in via preventiva al lavoratore poiché la mancata contestazione comporta la nullità della sanzione e deve essere contestata in maniera tale da rendere identificabili i precedenti disciplinari che ne determinano l’insorgenza.

Precauzionalmente è opportuno farlo in ogni circostanza, anche se l’obbligo di contestazione vige solo nel caso in cui la recidiva rappresenti un elemento costitutivo e fondante della mancanza addebitata, mentre potrebbe essere omessa quando essa costituisca mero criterio di determinazione della sanzione proporzionata a tale mancanza.

Leggi anche:
LE SANZIONI DISCIPLINARI NEI CONFRONTI DEL LAVORATORE
LE SANZIONI DISCIPLINARI NEI CONFRONTI DEL LAVORATORE: LA LETTERA DI CONTESTAZIONE
IL PROVVEDIMENTO DISCIPLINARE: LE GIUSTIFICAZIONI E LE SANZIONI
PERCHÈ È IMPORTANTE AVERE UN REGOLAMENTO AZIENDALE?


Iscriviti alla nostra newsletter settimanale cliccando sul pulsante in fondo a questa pagina per non perdere gli aggiornamenti in materia di lavoro.


 

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato