Rassegna di giurisprudenza – Agg. al 07.11.2018

DISTACCO ILLEGITTIMO DEI LAVORATORI: RAPPORTO DI LAVORO IN CAPO ALL’UTILIZZATORE

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 22179/2018, ha stabilito che, per effetto dell’utilizzazione delle prestazioni lavorative fornite da lavoratori illegittimamente distaccati, l’utilizzatore di fatto si sostituisce al datore di lavoro effettivo in tutti i rapporti giuridici con i lavoratori in distacco.

Inoltre, non potendo coesistere contemporaneamente due rapporti di lavoro subordinato tra il medesimo lavoratore, distaccatario e distaccante, il licenziamento intimato da quest’ultimo soggetto risulta essere inesistente.

Per lo stesso ragionamento i lavoratori illegittimamente distaccati possono essere assunti e trasferiti dall’impresa utilizzatrice senza alcun consenso.


MANCATO SUPERAMENTO DEL PERIODO DI COMPORTO: LA PROVA È A CARICO DEL LAVORATORE

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 21262/2018, ha specificato che è onere del lavoratore dimostrare che il superamento del periodo di comporto non si sia verificato allegando certificati medici indicanti la chiara riconducibilità dello stato di malattia a cause, come l’infortunio sul lavoro, che consentano di escludere quelle assenze dal periodo di comporto.


RISARCIMENTO DEL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ: PROVA LIBERATORIA A CARICO DEL DATORE DI LAVORO

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 26477/2018, ha ritenuto legittima la condanna inflitta al datore di lavoro al risarcimento del danno alla professionalità, in quanto a seguito di demansionamento del lavoratore, l’imprenditore non è stato in grado di dimostrare l’inesistenza di un altro posto disponibile equiparabile al grado di professionalità precedentemente raggiunto dal lavoratore.

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato