RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA – Agg. al 13.06.2018

Limiti Attivazione Tirocini Lombardia 2018 PaserioLICENZIAMENTO LAVORATRICE MADRE: SI’ PER CESSAZIONE DELL’ATTIVITÀ DELL’AZIENDA, NO PER CHIUSURA REPARTO

Con la sentenza n. 14515/2018, la Corte di Cassazione ha nuovamente asserito che il licenziamento della lavoratrice madre prima del compimento dell’anno di vita del bambino può essere legittimamente attuato solo in caso di cessazione dell’attività dell’azienda cui essa è addetta come d’altronde previsto dall’art. 54 c. 3 lettera b) del D.Lgs. n. 151/2001.

La Corte ha inoltre precisato che il divieto di licenziamento della lavoratrice madre è escluso solo nel caso di cessazione totale dell’attività aziendale, mentre si applica anche nel caso di cessazione dell’attività aziendale in un ramo o reparto (ancorché dotati di autonomia funzionale) a cui la lavoratrice era addetta.


PAGAMENTO DELLE RETRIBUZIONI PER IMPORTO INFERIORE A QUELLO DELLA BUSTA PAGA: REATO DI AUTORICICLAGGIO

Con sentenza n. 25979/2018, la Corte di Cassazione (seconda sezione penale) ha asserito che il pagamento di retribuzioni inferiori rispetto a quanto indicato in busta paga e il contestuale mancato pagamento degli straordinari configurano il reato di estorsione e quello di autoriciclaggio.

La Corte ha infatti confermato il sequestro finalizzato alla confisca in quanto gli imputati, mediante minaccia di non assunzione o di licenziamento, hanno costretto una molteplicità di lavoratori dipendenti ad accettare retribuzioni inferiori a quelle risultanti dalle buste paga e a sopportare orari superiori a quelli contrattualmente stabiliti, realizzando un ingiusto profitto destinato alla retribuzione in nero di dipendenti legati loro da particolare rapporto di fiducia.

Infatti, la Suprema Corte ha in più circostanze affermato che integra il delitto di estorsione la condotta del datore di lavoro che, approfittando della situazione del mercato del lavoro a lui favorevole per la prevalenza dell’offerta sulla domanda, costringe i lavoratori, con la minaccia larvata di licenziamento, ad accettare la corresponsione di trattamenti retributivi deteriori e non adeguati alle prestazioni effettuate, in particolare consentendo a sottoscrivere buste paga attestanti il pagamento di somme maggiori rispetto a quelle effettivamente versate.


LA NASPI NON È  DETRAIBILE COME ALIUNDE PERCEPTUM DAL RISARCIMENTO

Con la sentenza n. 11989/2018, la Corte di Cassazione ha asserito che la NASPI non è detraibile come  aliunde  perceptum  dal  risarcimento  riconosciuto  al  dipendente  licenziato illegittimamente.

Infatti, la Corte sostiene che le somme percepite dal lavoratore a titolo di indennità di disoccupazione non possono essere detratte da quanto egli abbia ricevuto come risarcimento del danno per il mancato ripristino del rapporto di lavoro, atteso che detta indennità opera su un piano diverso dagli incrementi patrimoniali che derivano al lavoratore dall’essere stato liberato, anche se illegittimamente, dall’obbligo di prestare la sua attività.

Inoltre  tali  somme,  essendo  ripetibili  dall’ente  previdenziale  nel caso  in  cui  vengano  meno  i  presupposti  per  la  loro  erogazione,  non  possono considerarsi  definitivamente  acquisiti  al  patrimonio  del  lavoratore poiché, qualora il dipendente  fosse  riammesso  in  servizio  senza  soluzione  di  continuità,  e  con conservazione dei diritti acquisiti e mantenimento dello status giuridico ed economico maturato,  l’INPS chiederà la restituzione  di  quanto  erogato.

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
9 Dicembre 2020
Lo sapevi che…puoi usufruire della formazione finanziata per i tuoi dipendenti?
In qualità di datore di lavoro puoi usufruire della formazione finanziata. Ecco cos’è la formazione finanziat…
1 Dicembre 2020
Tutorial – Dimissioni Telematiche su Cliclavoro con accesso SPID
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5 – 21013 Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22 – 20145 Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: 03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato