Rassegna di Giurisprudenza – Agg. al 18.07.2018

LICENZIAMENTO DEL DIPENDENTE SINDACALISTA: NUOVA DEFINZIONE DEI LIMITI

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza n. 18176/2018, ha stabilito che, per valutare il giustificato motivo del licenziamento di un dipendente che opera anche in qualità di sindacalista, il giudice deve valutare nello specifico se la condotta dell’operatore ecceda il normale rispetto del diritto di critica stabilito dalla Costituzione.

Infatti, si legge, che la sentenza impugnata non ha valutato affatto il contenuto del ‘file’, in cui il ricorrente, seppur con toni accesi ma non denigratori, criticava l’operato aziendale, ma ha solo ritenuto che la formazione di esso e la sua trasmissione interna configurasse un comportamento illegittimo, senza considerare il carattere esclusivamente interno e circoscritto della diffusione (limitata dunque ai soggetti strettamente necessari); senza verificare il contenuto del documento medesimo (non accertato come aggressione gratuita e\o lesiva dell’onore e della reputazione dell’azienda), ed il contesto indubbiamente sindacale.


LICENZIAMENTO PER ASSENZA INGIUSTIFCATA: RIPARTITO L’ONERE DELLA PROVA

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza n. 16597/2018, ha stabilito che grava sul datore di lavoro l’onere della prova della giusta causa o del giustificato motivo di licenziamento, così come della condotta che ha determinato l’irrogazione della sanzione disciplinare.

Nel caso di licenziamento per assenza ingiustificata, il datore può limitarsi a provare l’assenza nella sua oggettività, mentre il lavoratore può provare gli elementi che possano giustificarla.


Mancato Riconoscimento Agevolazioni ContributiveLICENZIAMENTO COLLETTIVO: COMUNICAZIONE CONTEMPORANEA A LAVORATORE, OO.SS. E UFFICI DEL LAVORO

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza n. 16144/2018, ha stabilito che, in tema di licenziamenti collettivi, le comunicazioni del recesso al lavoratore e alle organizzazioni sindacali e ai competenti uffici del lavoro devono essere necessariamente contemporanee tra loro, a pena d’inefficacia del licenziamento medesimo, salvi giustificati motivi di natura oggettiva la cui prova ricade in capo al datore di lavoro.

Secondo la disciplina antecedente la Riforma Fornero, la contestualità fra comunicazione del recesso al lavoratore e comunicazione alle organizzazioni sindacali e ai competenti uffici del lavoro dell’elenco dei dipendenti licenziati e dei criteri di scelta, ex articolo 4, comma 9, L. 223/1991, si giustifica al fine di consentire alle organizzazioni sindacali (e, tramite queste, anche ai singoli lavoratori) il controllo sulla correttezza nell’applicazione dei menzionati criteri da parte del datore di lavoro, anche al fine di sollecitare, prima dell’impugnazione del recesso in sede giudiziaria, la revoca del licenziamento eseguito in loro violazione.

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato