RAVVEDIMENTO OPEROSO: LE NOVITA’ INTRODOTTE DALLA LEGGE DI STABILITA’ 2015

La Legge di Stabilità 2015 ha introdotto tre nuove fattispecie di ravvedimento operoso per i casi di omesso e ritardato pagamento dei tributi, e nel caso di errori e omissioni che determinano l’infedeltà della dichiarazione. In particolare, sono previste la seguenti riduzioni della sanzione:

– ad 1/9 del minimo se la regolarizzazione degli errori ed omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, viene eseguita entro il 90° giorno successivo a quello di presentazione della dichiarazione; ovvero quando non è prevista dichiarazione periodica, entro 90 giorni dall’omissione o dall’errore;
– ad 1/7 del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello in corso del quale è stata commessa la violazione; ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro 2 anni dall’omissione o dall’errore;
– ad 1/6 del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello in corso del quale è stata commessa la violazione; ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, oltre 2 anni dall’omissione o dall’errore;
– ad 1/5 del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, , anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene dopo la constatazione della violazione.

Ai fini dell’accesso al ravvedimento operoso, per i tributi di competenza dell’Agenzia delle Entrate, è possibile utilizzare il ravvedimento anche qualora la violazione sia già stata constatata e comunque siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento delle quali il contribuente o i soggetti solidalmente obbligati abbiano avuto formale conoscenza.
Il ravvedimento è ora precluso nella sola ipotesi di notifica degli atti di liquidazione e accertamento nonché delle comunicazioni a seguito dei controlli ex artt. 36-bis e 36- ter, DPR n. 600/73 e 54-bis, DPR n. 633/72.

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato