RETRIBUZIONI IN CONTANTI: STOP! DAL 1° LUGLIO PARTONO DIVIETO E SANZIONI

A decorrere dal 1° luglio 2018 entrano in vigore il divieto e le connesse sanzioni previste dalla Legge di Stabilità 2018 per datori di lavoro e committenti, i quali non potranno più procedere al pagamento delle retribuzioni in contanti al lavoratore, qualunque sia la tipologia del rapporto di lavoro instaurato.

Recentemente, sia l’Ispettorato Nazionale del Lavoro (con il parere n. 4538/2018) che la Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro (con l’approfondimento dell’8 giugno 2018) hanno fornito chiarimenti e interpretazioni in merito al predetto divieto.

MODALITÀ DI PAGAMENTO AMMESSE

I  datori  di  lavoro  o  i  committenti  dovranno  corrispondere  ai  lavoratori  la retribuzione esclusivamente attraverso una banca o un ufficio postale, con una delle seguenti modalità:

  • bonifico sul conto identificato dal codice IBAN indicato dal lavoratore;
  • strumenti di pagamento elettronico;
  • pagamento in  contanti  presso lo  sportello  bancario  o  postale  dove  il datore  di  lavoro  abbia  aperto  un  conto  corrente  di  tesoreria  con mandato di pagamento;
  • emissione di  un  assegno  consegnato  direttamente  al  lavoratore  o,  in  caso di suo comprovato impedimento, ad un suo delegato.

IL CAMPO DI APPLICAZIONE E LE ESCLUSIONI

Rientrano nel campo  di  applicazione  del divieto:

  • rapporti di lavoro subordinato (indipendentemente dalle modalità di svolgimento della prestazione e dalla durata del rapporto);
  • collaborazioni coordinate e continuative;
  • contratti di lavoro instaurati dalle cooperative con i propri soci ai sensi della Legge n. 142/2001.

L’obbligo  riguarda  esclusivamente  la  corresponsione  della  remunerazione relativa all’attività svolta dal lavoratore, quindi diventa importante capire quale siano le “voci” che rientrano nella disciplina in commento. La Fondazione Studi ha indicato la necessità di riferirsi a “a tutti quegli  elementi  della  retribuzione  previsti  dal  contratto  individuale  e  collettivo applicabile al rapporto di lavoro”.

E i rimborsi spese? Non vi sono chiarimenti ufficiali in proposito ma, sempre la Fondazione, ha asserito che “gli  anticipi  di  cassa  per  fondo  spese,  rimborsi  spese  ed  altre  somme corrisposte al lavoratore, diverse da quelle contrattuali, si ritiene possano essere esclusi dall’obbligo di tranciabilità in quanto l’articolo 1, comma 910, della Legge prevede che l’obbligo si applichi al momento in cui i datori di lavoro o committenti, “<<corrispondono ai lavoratori la retribuzione, nonché ogni anticipo di essa>>”.

Restano, invece, espressamente esclusi dall’obbligo:

  • i rapporti di lavoro instaurati con le pubbliche amministrazioni (art. 1 c. 2 D.Lgs. 165/2001);
  • i lavoratori domestici;
  • i compensi derivanti da borse di studio, tirocini, rapporti di lavoro autonomo di natura occasionale.

LE SANZIONI

Al datore di  lavoro o committente che viola il divieto di pagamento delle retribuzioni in contanti, si  applica  la sanzione amministrativa pecuniaria consistente nel pagamento  di  una somma da 1.000 euro a 5.000 euro.

L’INL ha inoltre chiarito che si debba ritenere che la violazione risulti integrata anche nel caso in cui, nonostante l’utilizzo dei sistemi di pagamento ammessi, il versamento delle somme dovute non sia realmente effettuato (ad esempio, nel caso in cui il bonifico bancario in favore del lavoratore venga successivamente revocato ovvero l’assegno emesso venga annullato prima dell’incasso).

Tali circostanze, infatti, denoterebbero un intento elusivo da parte del datore di lavoro.

PER APPROFONDIMENTI:
OBBLIGO DI CONSEGNA DEL CEDOLINO PAGA E DIVIETO DI PAGAMENTO IN CONTANTI DELLE RETRIBUZIONI


Iscriviti alla nostra newsletter settimanale cliccando sul pulsante in fondo a questa pagina per non perdere gli aggiornamenti in materia di lavoro.


 

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
9 Dicembre 2020
Lo sapevi che…puoi usufruire della formazione finanziata per i tuoi dipendenti?
In qualità di datore di lavoro puoi usufruire della formazione finanziata. Ecco cos’è la formazione finanziat…
1 Dicembre 2020
Tutorial – Dimissioni Telematiche su Cliclavoro con accesso SPID
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5 – 21013 Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22 – 20145 Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: 03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato