Rimborsi spese non veritieri: per la giusta causa di licenziamento l’onere della prova è a carico del datore di lavoro

Con la sentenza n. 8820 del del 5 aprile 2017, la Corte di Cassazione ha asserito che anche nel caso in cui il lavoratore presenti dei rimborsi spese non veritieri, l’onere della prova della giusta causa del licenziamento spetta inderogabilmente al datore di lavoro.

Il caso è quello di un lavoratore licenziato a causa della reiterata richiesta di rimborsi spese di ristorazione, contrastanti con contestuali domande di rimborso presentate da altri dipendenti che il ricorrente aveva indicato come partecipanti ai pranzi ai quali si riferivano le istanze di pagamento, allo scopo, evidentemente, di ricevere rimborsi spese non dovuti.

 

 

Tags:
Condividi questo articolo
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato