Riqualificazione del contratto: il nomen iuris non vincola il giudice

Con la sentenza n. 14296 dell’8 giugno 2017, la Corte di Cassazione ha asserito che, in caso di riqualificazione di un rapporto di lavoro da autonomo a subordinato, il “nomen iuris” eventualmente assegnato dalle parti al contratto, non vincola il giudice.

Infatti, il nomen iuris è comunque sempre superabile in presenza di effettive, univoche, diverse modalità di adempimento della prestazione.

Tags:
Condividi questo articolo
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato