Se il datore di lavoro cambia attività, cosa accade al lavoratore che conserva le proprie mansioni?

Con la sentenza n. 4231 del 3 marzo 2016, la Corte di Cassazione ha precisato che deve essere conservato il trattamento retributivo di miglior favore per il lavoratore che, nel caso in cui il datore di lavori vari l’oggetto della propria attività, conservi le mansioni svolte precedentemente.

Infatti, anche in presenza di adesione datoriale al nuovo e diverso contratto collettivo, il rapporto tra tale pattuizione e la clausola del contratto di lavoro individuale con cui sia fatto riferimento ad una diversa contrattazione collettiva è regolato dall’art. 2077 c.c. e quindi prevale l’accordo collettivo, solo se dall’accordo individuale derivano condizioni meno favorevoli per il lavoratore.

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
10 Dicembre 2020
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
9 Dicembre 2020
Lo sapevi che…puoi usufruire della formazione finanziata per i tuoi dipendenti?
In qualità di datore di lavoro puoi usufruire della formazione finanziata. Ecco cos’è la formazione finanziat…
1 Dicembre 2020
Tutorial – Dimissioni Telematiche su Cliclavoro con accesso SPID
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5 – 21013 Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22 – 20145 Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 07 32 77 | Fax: +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: 03654550122