Solidarietà negli appalti: prescrizione quinquennale per i contributi

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 22110/2019in materia di appalto, ha fornito chiarimenti circa il regime della responsabilità solidale del committente con l’appaltatore di opere/servizisecondo il quale In caso di appalto di opere o di servizi il committente imprenditore o datore di lavoro è obbligato in solido con l’appaltatore, nonché con ciascuno degli eventuali ulteriori subappaltatori entro il limite di due anni dalla cessazione dell’appalto, a corrispondere ai lavoratori i trattamenti retributivi e i contributi previdenziali dovuti” (ex art. 29 co. 2 del D. Lgs. n. 276/2003).  

La Corte ha precisato che l’obbligo retributivo non deve essere confuso con l’obbligo contributivo, pur essendo, il rapporto di lavoro e quello previdenziale, tra loro interconnessi 

Per via dell’autonomia e dell’indipendenza dell’obbligazione contributiva rispetto a quella retributiva, la Corte ha ritenuto chea differenza dell’azione di accertamento dell’obbligo retributivo, quella di accertamento dell’obbligo contributivo, non è sottoposta al termine di decadenza di due anni dalla cessazione dell’appalto e, pertanto, soggiace al limite prescrizionale quinquennale 

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato