Solidarietà negli appalti: prescrizione quinquennale per i contributi

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 22110/2019in materia di appalto, ha fornito chiarimenti circa il regime della responsabilità solidale del committente con l’appaltatore di opere/servizisecondo il quale In caso di appalto di opere o di servizi il committente imprenditore o datore di lavoro è obbligato in solido con l’appaltatore, nonché con ciascuno degli eventuali ulteriori subappaltatori entro il limite di due anni dalla cessazione dell’appalto, a corrispondere ai lavoratori i trattamenti retributivi e i contributi previdenziali dovuti” (ex art. 29 co. 2 del D. Lgs. n. 276/2003).  

La Corte ha precisato che l’obbligo retributivo non deve essere confuso con l’obbligo contributivo, pur essendo, il rapporto di lavoro e quello previdenziale, tra loro interconnessi 

Per via dell’autonomia e dell’indipendenza dell’obbligazione contributiva rispetto a quella retributiva, la Corte ha ritenuto chea differenza dell’azione di accertamento dell’obbligo retributivo, quella di accertamento dell’obbligo contributivo, non è sottoposta al termine di decadenza di due anni dalla cessazione dell’appalto e, pertanto, soggiace al limite prescrizionale quinquennale 

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
10 Dicembre 2020
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
9 Dicembre 2020
Lo sapevi che…puoi usufruire della formazione finanziata per i tuoi dipendenti?
In qualità di datore di lavoro puoi usufruire della formazione finanziata. Ecco cos’è la formazione finanziat…
1 Dicembre 2020
Tutorial – Dimissioni Telematiche su Cliclavoro con accesso SPID
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5 – 21013 Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22 – 20145 Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 07 32 77 | Fax: +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: 03654550122