Straordinario pagato in nero: omissione o evasione contributiva?
Con la sentenza n. 23485/2015, la Corte di Cassazione ha chiarito che il mancato pagamento di contributi derivanti da prestazioni di lavoro straordinario in nero si configura come evasione contributiva e non come omissione contributiva, ipotesi, quest’ultima, dalle conseguenze indubbiamente attenuate. 
La Corte ha infatti rammentato che, per consolidata giurisprudenza, l’omessa o infedele denuncia mensile all’INPS di rapporti di lavoro o di retribuzioni erogate integra l’evasione contributiva e non la fattispecie dell’omissione contributiva. Quest’ultima, infatti, riguarda solo le ipotesi in cui il datore di lavoro, pur avendo provveduto a tutte le denunce e registrazioni obbligatorie, ometta il pagamento dei.
Nella fattispecie oggetto della pronuncia, i crediti contributivi non riguardano le retribuzioni regolarmente denunciate, bensì retribuzioni di lavoro straordinario e domenicale avvenute “in nero”.
Tags:
Condividi questo articolo
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato