TRASFERIMENTO D’AZIENDA: LE TUTELE DEI LAVORATORI

Trasferimento d'Azienda Tutela dei Lavoratori PaserioIn caso di trasferimento d’azienda, si producono alcuni effetti volti ad istituire delle tutele sia nei confronti dei lavoratori trasferiti sia nei confronti di quelli non coinvolti dall’operazione.

GLI EFFETTI SUI LAVORATORI COINVOLTI NEL TRASFERIMENTO

Per i lavoratori che vengono coinvolti nel trasferimento d’azienda, si realizza una vera e propria “sostituzione” di uno dei contraenti del contratto di lavoro, in quanto gli stessi passano, di fatto, alle dipendenze di un nuovo datore di lavoro.

L’effetto più importante che si realizza attraverso un trasferimento d’azienda è la continuità del rapporto presso il cessionario, senza soluzione di continuità, cioè senza nessuna interruzione.

È inoltre opportuno precisare che, nonostante il cambio di datore di lavoro, il lavoratore conserva tutti i diritti già sorti durante il rapporto di lavoro con il cedente al momento della cessione dell’azienda; quindi, ad esempio, il lavoratore conserverà l’anzianità di servizio, la qualifica e il livello, il trattamento retributivo e via dicendo.

LA RESPONSABILITÀ SOLIDALE TRA CEDENTE E CESSIONARIO

Cedente e cessionario sono responsabili in solido per quanto riguarda i crediti retributivi del lavoratore.

Nello specifico, è necessario precisare che, per i crediti maturati prima del trasferimento o che sussistano al momento del trasferimento dell’azienda, vigono le regole di seguito descritte:

  • cedente e cessionario sono obbligati in solido per tutti i crediti nel limite del termine prescrizionale  che le norme prevedono per ogni tipologia di credito;
  • il cessionario rimane sempre responsabile nei confronti del lavoratore, indipendentemente dal fatto che fosse o meno a conoscenza dei crediti del lavoratore quindi, per evitare sorprese (spesso derivanti da eventi difficilmente desumibili dalla lettura del LUL) l’acquirente potrebbe richiedere, come condizione per proseguire nel trasferimento, la sottoscrizione di accordi di rinuncia e transazione in sede protetta tra i lavoratori ed il datore di lavoro cedente in modo da tombalizzare ogni pretesa, dedotta e/o deducibile.

IL DIRITTO DI PRECEDENZA

L’art. 47 c. 6 della L. n. 428/1990 prevede che, in tutte le ipotesi di trasferimento d’azienda, i lavoratori che non passano alle dipendenze del cessionario, hanno diritto di precedenza nelle assunzioni da esso effettuate entro un anno dalla data del trasferimento.

Gli accordi collettivi possono stabilire un maggior termine di vigenza del predetto diritto di precedenza.

Per approfondimenti:
LA PRESCRIZIONE DEI CREDITI DA LAVORO DIPENDENTE
VIDEO TG – La prescrizione dei crediti da lavoro

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale cliccando sul pulsante in fondo a questa pagina per non perdere gli aggiornamenti in materia di lavoro.

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato