Voucher per lavoro accessorio: modifica della procedura per monitorare i limiti economici

modifica procedura voucher inps studio paserioCon il messaggio n. 1668 del 15 aprile 2016, l’Inps informa che sono state introdotte nuove funzionalità ad uso delle sedi e del contact center, che permetteranno all’Istituto di monitorare in maniera più puntuale il rispetto dei limiti economici previsti dal D.Lgs. n. 81/2015 per quanto riguarda l’impiego di voucher per lavoro occasionale di tipo accessorio, con l’intento di scongiurare le possibili elusioni della norma.

Nello specifico, le funzionalità introdotte sono:

  1. ACCESSO INTERNET E DA CC DEL LEGALE RAPPRESENTANTE: le persone giuridiche committenti potranno accedere direttamente alle funzionalità tramite il legale rappresentante, il quale, dotato di PIN, entrerà come committente e dovrà indicare se vuole operare in qualità di cittadino o di azienda. In quest’ultimo caso deve obbligatoriamente inserire la partita iva dell’azienda per la quale vuole operare e facoltativamente la matricola azienda;
  2. INSERIMENTO DELEGA DIRETTA LEGALE RAPPRESENTANTE: il legale rappresentante che accede a nome dell’azienda è l’unico soggetto che può inserire deleghe dirette senza necessità di compilare il modulo SC53 presso la sede;
  3. INSERIMENTO DELL’AUTOCERTIFICAZIONE PER LE PERSONE GIURIDICHE: effettuato l’accesso, la Persona giuridica si troverà davanti una schermata nella quale potrà autocertificare di essere: 1. Imprenditore, 2. Libero Professionista o 3. Non imprenditore o libero professionista, selezionando da apposita lista la tipologia specifica. Il fatto che un committente non compili l’autocertificazione non è “bloccante” ma lo sottopone, automaticamente, al controllo dei 2.020 euro netti. In ogni caso, ad ogni successivo accesso, il committente potrà autocertificare il proprio status soggettivo;
  4. CONTROLLO DEL SUPERAMENTO DEL LIMITE ECONOMICO: quando il committente persona giuridica che abbia dichiarato di essere imprenditore o libero professionista (o non abbia inserito l’autocertificazione) inserisce una dichiarazione l’applicazione controlla che l’importo corrisposto dal committente al prestatore nell’anno sommato all’importo presunto non superi i 2.020 euro e in caso di superamento impedisce l’inserimento della dichiarazione di inizio attività.
Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato