Non facciamo le cose per compiacere gli altri

Qualche giorno fa, è venuto a trovarmi un caro amico.

Era triste, demotivato e confuso.

Dalla sua bocca uscì questa frase: “Nell’ultimo periodotutto quello che faccio non va bene. Cerco di accontentare tutti ma sembra che, nonostante i miei sforzi, c’è sempre qualcuno che ha da ridire”.

Gli pongo delle domande per capire meglio il contesto e poi gli racconto un’antica e bellissima storia iraniana:

***

C’era una volta un vecchio che abitava sulle montagne e, insieme al nipotino, doveva raggiungere la città.

Il viaggio era lungo ma con loro c’era anche un asinello, che poteva portare cibo e acqua a sufficienza.

Caricato il bambino sul dorso dell’asino, il vecchio iniziò il suo cammino.

Durante il percorso, incontrò un gruppo di persone che, dopo il suo passaggio, disse: “Guarda quel bambino che fa camminare un povero vecchio. Lui è giovane e ha buone gambe. Che vergogna!”.

Il vecchio non disse nulla. Fece scendere il bambino e salì sull’asinello.

Continuando il cammino, incontrò un altro gruppo di persone ma, dopo averle superate, sentì il loro commento:

Guarda quel vecchio, deve essere il nonno, ma non ha esitato a salire sulla groppa dell’asino facendo camminare il nipotino!”.

Il vecchio, ancora una volta, non disse nulla. Prese il bambino e lo caricò sul dorso dell’asino accanto a sé.

Non passò molto tempo che incontrò un altro gruppetto che, con aria sdegnata, non esitò ad affermare: “Come si fa a non avere un briciolo di compassione per quel povero asino?  Finiranno per sfiancarlo!”.

Il vecchio in silenzio prese il bambino, lo fece scendere dall’asino e continuò il suo cammino a piedi.

Fece pochi passi e incrociò altri sconosciuti intenti a camminare nella direzione opposta: “Ma avete visto quei due? Hanno un asino a disposizione e vanno a piedi. Che stupidi!

***

Finita la storia, ci fu un momento di silenzio.

Non servì dire altro.

Il mio amico fece un cenno con il capo e disse che da quel momento le cose sarebbero cambiate.

Aveva raggiunto la consapevolezza che fare le cose per compiacere gli altri, non funziona.

Parlammo ancora un po’.

Uscì che aveva ritrovato l’energia positiva e la fiducia in se stesso.

Si era liberato dalle catene che non gli permettevano di sentirsi un uomo libero: libero di scegliere e di agire.

Sandra Paserio – Coach Professionista – HR Problem Solver – Consulente del Lavoro

Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
7 Gennaio 2021
Lo sapevi che…puoi distribuire i cedolini paga con un click?
Soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, in cui bisogna limitare i contatti il più possibile ed alcuni di…
9 Dicembre 2020
Lo sapevi che…puoi usufruire della formazione finanziata per i tuoi dipendenti?
In qualità di datore di lavoro puoi usufruire della formazione finanziata. Ecco cos’è la formazione finanziat…
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato