Non sottovalutiamo le potenzialità dei giovani
Sono mamma di due figli di 20 e 23 anni e mi trovo a guardare il mondo dei giovani con gli occhi sia del professionista che del genitore.
 
Mi capita spesso di sentirmi dire che i giovani di oggi sono poco responsabili e che sono cresciuti nella bambagia.
 
In alcune circostanze è vero. E’ importante però non generalizzare.
 
Penso che i giovani si trovano semplicemente in un mondo che non era il nostro.
 
Non è meglio o peggio, è solo diverso.
 
Non è vero che i ragazzi non incontrano delle difficoltà nel loro cammino. 
 
Incontrano semplicemente delle difficoltà diverse da quelle che abbiamo avuto noi.
 
Amo parlare molto con i miei figli e, con i loro occhi, guardo il mondo.
 
E’ vero, vivono nel benessere e non gli manca a dal punto di vista materiale ma sono messi sempre alla prova perché la competizione è diventata spietata. 
 
Sono state aperte le frontiere e ogni ragazzo è ormai cittadino del mondo.
 
Ognuno di loro, deve dimostrare giorno per giorno che ha un valore unico e irripetibile perché la concorrenza è lì, dietro alla porta, pronta a prendere il sopravvento.
 
Studiano, si diplomano, si laureano per poi passare al dottorato o ai master specialistici. 
 
Conoscono almeno 4 lingue e si spostano nei vari stati lasciando nel proprio paese la cultura, le tradizioni, i parenti e gli amici.
 
Comunicano tra di loro tramite skype e hanno difficoltà a creare dei rapporti duraturi per la mancanza di radici stabili.
 
E’ vero, non sono tutti così. Ma ragazzi che si danno da fare e affrontano la vita in questo modo ce ne sono. 
 
Come lo è stato per noi, anche loro affrontano quotidianamente le loro difficoltà:
 
– la paura di non farcela e di non essere all’altezza;
 
– la paura della solitudine e la mancanza di una carezza o di un abbraccio;
 
– le giornate in aeroporto e la scarsità del cibo italiano.
 
Sono difficoltà maggiori o minori rispetto quelle che abbiamo avuto noi? Non lo so, sono solo diverse.
 
Focalizziamo invece l’attenzione su quello che sono oggi i nostri ragazzi e sulle loro potenzialità.
 
Hanno conoscenze sicuramente maggiori di quelle che avevamo noi e, con gli strumenti che hanno a disposizione oggi, possono essere i promotori di un futuro migliore.
 
Crediamo in loro e cerchiamo di comprenderli ed ascoltarli, perché il nostro compito è quello, da buoni saggi, di consigliarli e supportarli nel loro cammino.
 
Sandra Paserio – Consulente del Lavoro – HR Problem Solver
 
Tags:
Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Leggi e ascolta
Categorie
Tags
Articoli che potrebbero interessarti
12 Febbraio 2021
Lo sapevi che…esistono soluzioni innovative per la gestione del personale?
Lo sapevi che esistono soluzioni per la gestione del personale in grado di informatizzare il flusso documentale per la…
5 Febbraio 2021
Noi in una parola
Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato
Vuoi maggiori informazioni?

Via Piceni 5, 21013, Gallarate (VA) | Via L. Mascheroni 22, 20145, Milano
Telefono:  +39 0331 77 52 20 | +39 0331 77 96 11 | +39 0331 77 52 23
E-Mail: info@paserio.it | PEC: paserio@legalmail.it | P.IVA: IT03654550122

Iscriviti alla newsletter
Resta sempre aggiornato