Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
I premi di produttività con Giulia Vignati

Cosa sono i premi di produttività e perché considerarli?

Nelle scorse settimane, all’interno dei nostri report, abbiamo affrontato l’impatto dello smart working nella motivazione e organizzazione del lavoro (leggi il report) soprattutto nelle risorse più giovani.

In questa video intervista con Giulia Vignati, Consulente del Lavoro e Partner presso la Paserio & Partners, scopriamo cosa sono e come funzionano i premi di risultato per incentivare i lavoratori.

I premi di produttività, anche conosciuti come premi di produzione e retribuzione di produttività, sono quote di retribuzione subordinate al raggiungimento di determinati obiettivi legati al miglioramento o all’incremento della produttività, dell’efficienza, dell’innovazione, della qualità o altre priorità aziendali.

Per poter istituire un premio di produttività l’azienda deve intraprendere un percorso strutturato che coinvolge diversi soggetti, tra cui il corpo direttivo dell’azienda, i lavoratori ed il sindacato.

Durante questo processo l’azienda deve:

  • definire le priorità aziendali;
  • definire le aree di miglioramento;
  • identificare degli obiettivi misurabili, trasparenti e raggiungibili;
  • valutare l’interazione tra i diversi reparti per evitare obiettivi conflittuali;
  • bilanciare i diversi obiettivi per evitare incentivi monodirezionali che possono essere pericolosi nel medio periodo.

I premi di produttività non sono quindi solamente un sistema di incentivazione, ma anche un’occasione di revisione dei processi, dell’organizzazione e della strategia. Inoltre, se combinati con una strategia di welfare, possono diventare un’occasione di ottimizzazione della fiscalità.

Vuoi saperne di più? Guarda la videointervista!

Postresti leggere anche...
Contattaci
Per maggiori informazioni
Iscriviti alla newsletter
e rimani aggiornato sul progetto!