Diventare un vero leader si può

Ci sono libri che leggi e che non vorresti mai finire.

Uno di questi, è il libro di John C. Maxwell “Le 21 Leggi Fondamentali del Leader”.

Maxwell le illustra, punto per punto, capitolo per capitolo, facendo emergere i punti di forza di un leader con l’intento di indirizzare il lettore verso la consapevolezza di quello che serve per raggiungere il successo.

Incominciamo ad analizzare le prime 11 leggi di Maxwell, partendo dal presupposto che la leadership si può acquisire e che le tecniche si possono imparare:

1.     LA LEGGE DEL COPERCHIO: più alta è la nostra leadership e più alto è il rendimento delle persone della nostra organizzazione.

Non schiacciamo i nostri collaboratori verso il basso. Se noi siamo il coperchio che contiene il loro rendimento, lavoriamo su di noi per incrementare il loro rendimento.

2.     LA LEGGE DELL’INFLUENZA SUGLI ALTRI: il capitolo che tratta questa legge, conclude dicendo:

“colui che pensa di essere un leader ma non ha nessuno che lo segue, in realtà sta solo facendo una passeggiata”.

Se vogliamo guidare una squadra, guardiamoci intorno e domandiamoci: quanta influenza abbiamo sugli altri?

3.     LA LEGGE DEL PROCESSO: la leadership si costruisce ogni giorno, proprio come un mosaico.

Anche la leadership si impara attraverso le 4 fasi della crescita.

Magari oggi siamo nella fase in cui ci domandiamo “non so ciò che so” ma, se studiamo, approfondiamo e ci impegniamo, tra non molto entreremo nell’ultima “cresco, so e inizio a mostrarlo”. In quel momento faremo tutto automaticamente senza rendercene conto e il gioco sarà fatto.

4.     LA LEGGE DELLA NAVIGAZIONE: per portare una barca, occorre un leader che tracci la rotta.

Se vogliamo essere dei leader, dobbiamo avere una mission, una vision, una pianificazione e una rotta per non perdere la bussola.

5.     LA LEGGE DI E.F.HUTTON: nella società finanziaria di E.F. Hutton il motto era “quando E.F. Hutton parla, tutti ascoltano”.

Non è la posizione che fa il leader. La leadership non si impone e non si chiede. Impariamo ad essere veri, sinceri, giusti e autorevoli e i risultati non tarderanno ad arrivare.

6.     LA LEGGE DELLE BASI SOLIDE: la fiducia è alla base di qualsiasi rapporto. Per costruirla, un leader deve manifestare competenze, relazioni e carattere.

Non nascondiamoci dietro fasi del tipo “sono fatto così, prendere o lasciare”. Il carattere comunica: coerenza, potenziale e rispetto. Se vogliamo guidare un team, impariamo a conoscere prima noi stessi.

7.      LA LEGGE DEL RISPETTO: le persone seguono naturalmente dei leader più forti di loro.

Quando la gente rispetta qualcuno come persona, lo ammira; quando lo rispetta come amico, lo ama; quando lo rispetta come leader, lo segue.

Se dobbiamo apportare un cambiamento nella nostra organizzazione, se siamo dei veri leader non dobbiamo spaventarci perché la gente ci seguirà.

8.     LA LEGGE DELL’INTUITO: un leader deve comprendere la situazione e sapere istintivamente quale azioni deve compiere.

Se vogliamo essere dei veri leader dobbiamo capire la situazione in cui siamo, intuire le tendenze, entrare nel mondo delle persone catturando le emozioni e le potenzialità di ognuno di loro.

9.     LA LEGGE DEL MAGNETISMO: sei chi attrai.

Ognuno attrae naturalmente a sé persone che sono simili a quello che siamo.

Guardiamoci intorno. Quali sono le persone che attraiamo?

10.   LA LEGGE DEL LEGAME: i leader toccano il cuore prima di chiedere una mano.

Se vogliamo creare dei legami solidi con il nostro team, impariamo a relazionarci con ogni singolo individuo della nostra organizzazione. La magia della leadership non tarderà ad arrivare.

11.   LA LEGGE DELLA CERCHIA RISTRETTA: il potenziale di un leader è determinato da coloro che gli sono vicini.

Selezioniamo le persone che sono intorno a noi accerchiandoci di coloro che stimoleranno a migliorarci.

Se vuoi leggere le ultime 10 Leggi sulla Leadership, clicca QUI

Sandra Paserio – Coach Professionista – HR Problem Solver – Consulente del Lavoro