Le professioni vincenti di domani

Quali sono le professioni vincenti dopo la diffusione dei robot e dell’intelligenza artificiale?

Alla domanda ha risposto l’Osservatorio dei Consulenti del Lavoro con l’indagine intitolata “L’impatto della quarta rivoluzione industriale sulla domanda di professioni”.

L’indagine ha evidenziato che, negli ultimi 5 anni:

i lavori meno qualificati e con scarsa automazione, come ad esempio gli usceri, i manovali, i lettori di contatori elettrici, i venditori ambulanti, i tecnici delle telecomunicazioni e i braccianti agricoli risultano in declino;
i lavori con una maggiore professionalità e spesso una tecnologia più avanzata, come ad esempio gli analisti e i progettisti di software, i disegnatori industriali, le professioni sanitarie riabilitative e i tecnici programmatori esperti, sono quelli maggiormente richiesti.

Quali competenze, quindi, è opportuno acquisire per garantirsi un’occupazione nell’immaginario futuro?

Secondo i dati forniti dall’Osservatorio, oltre a professionalità, competenza e capacità di lavorare in team, è necessario acquisire competenze digitali e relazionali con uno spiccato orientamento al problem solving.

A tal proposito riporto la storia di Chiang Tzu:

“Chu Ping-Man si recò a Chili Yi per imparare a uccidere i draghi visto che i draghi potevano diventare pericolosi ed era necessario eliminarli.

Chu Ping-Man studiò per tre anni e spese quasi tutti i suoi beni finchè non divenne esperto.

Ma c’erano così pochi draghi che Chu non potè mettere in pratica ciò che aveva appreso”.

La storia ci insegna l’importanza di acquisire competenze spendibili sul mercato del lavoro, senza farsi trascinare dall’ondata di “quello che fanno gli altri”.

È importante quindi che i giovani, prima di investire il proprio tempo sui libri, diano uno sguardo alle professionalità vincenti maggiormente richieste sul mercato lasciando libero sfogo al proprio immaginario su quali saranno le professionalità di domani.

Innovazione, flessibilità, creatività e capacità comunicative, non potranno comunque mancare.

Pronti ad investire sul lavoro di domani senza aspettare di combattere i draghi?

Sandra Paserio – Consulente Strategico del Lavoro