Agevolazioni contributive – Disparità uomo-donna: definiti i settori per l’anno 2021

Il Ministero del Lavoro e il Mef, con Decreto Interministeriale n. 234 del 16 ottobre 2020, hanno individuato i settori di attività e le professioni nei quali il tasso di disparità uomo-donna, in termini occupazionali, risulta superiore al 25%

Tale determinazione, effettuata annualmente dal Ministero del Lavoro, è necessaria ai fini della corretta applicazione dello sgravio contributivo introdotto dalla Legge n. 92/2012, c.d. Legge Fornero, in caso di assunzioni di lavoratrici nel settore privato.  

Lo sgravio contributivo, previsto per i soli datori di lavoro operanti nei settori di attività indicati dal Decreto Interministeriale, consiste nella riduzione del 50% dei contributi a carico azienda, in relazione alle assunzioni a tempo indeterminato, determinato o in somministrazione, di donne di ogni età prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi.

L’agevolazione ha una durata massima di:

  • 18 mesi, per le assunzioni a tempo indeterminato;
  • 12 mesi, per le assunzioni a tempo determinato.