Bonus IRPEF 2020: importanti novità

Si comunica che, il D.L n. 3 del 5 febbraio 2020, a partire dal 1° luglio 2020, il credito IRPEF (c.d. Bonus Renzi) passerà da euro 80 a 100, con importi e modalità di erogazione differenziati:

  • per i redditi fino a euro 28.000,00, spetteranno euro 100,00 al mese direttamente in busta paga (per un totale di euro 600,00 per l’anno 2020, euro 1.200,00 euro per l’anno 2021);
  • per i redditi compresi tra euro 28.000,00 e 40.000,00, non verrà riconosciuto in busta paga, ma nella forma di detrazione fiscale dell’imposta lorda.

Inoltre, per i redditi di lavoro dipendente e assimilati, eccetto particolari redditi appartenenti a tali categorie, spetta un’ulteriore detrazione dell’imposta lorda rapportata al periodo di lavoro di importo pari a:

  • euro 480, aumentato del prodotto tra euro 120 e l’importo corrispondente al rapporto tra euro 35.000, diminuito del reddito complessivo, ed euro 7.000se il reddito complessivo è superiore a euro 28.000, ma non ad euro 35.000;
  • euro 480se il reddito complessivo è superiore a euro 35.000, ma non a euro 40.000. In tal caso, la detrazione spetta per la  parte corrispondente al rapporto tra l’importo di euro 40.000, diminuito del reddito complessivo, e l’importo di euro 5.000.

La detrazione ha carattere temporaneo in quanto si applica limitatamente alle prestazioni rese nel semestre che va dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2020, in vista di una revisione strutturale del sistema delle detrazioni.

Nuovi codici tributo per credito IRPEF

L’Agenzia delle Entrate, con risoluzione n. 35 del 26 giugno 2020, ha istituito nuovi codici tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite Modelli F24 o F24 “enti pubblici” (F24 EP), da parte dei sostituiti di imposta- datori di lavoro, del credito IRPEF, così come previsto dal D.L. n. 3 del 5 febbraio 2020.

In particolare, l’AdE ha previsto i codici:

  • “1701”, per il modello F24;
  • “170E”, per il modello F24 “enti pubblici”.