Come fare per presentare la comunicazione biennale per le pari opportunità

Con la Legge 246/2005 e, successivamente, con il D. Lgs. 198/2006 (Codice delle pari opportunità tra uomo e donna), è stato previsto che, tutte le aziende, pubbliche o private, che occupino più di 100 dipendenti, sono tenute a redigere un rapporto, almeno biennale, sulla situazione del personale maschile e femminile.

Il rapporto deve essere riferito al complesso delle unità produttive e a ciascuna unità produttiva con più di 100 dipendenti, tenendo conto dei seguenti aspetti:

  • stato di assunzioni;
  • formazione;
  • promozione professionale;
  • livelli;
  • passaggi di categoria o di qualifica;
  • altri fenomeni di mobilità;
  • intervento della Cassa integrazione guadagni;
  • licenziamenti;
  • prepensionamenti e pensionamenti;
  • retribuzione effettivamente corrisposta.

PROCEDURA PER LA COMPILAZIONE

Come prima cosa, le aziende dovranno procedere con la verifica della sussistenza dell’obbligo calcolando la dimensione numerica dell’azienda.

Per la determinazione della dimensione numerica dell’azienda, l’anno da considerare è il secondo del biennio. Quindi, per il biennio 2018/19, il dato fa riferimento al 31.12.2019.

Se nel corso del biennio i dipendenti sono stati globalmente più di 100, ma al 31.12.2019 risultano in numero inferiore a 100, l’azienda non risulta tenuta a redigere il rapporto biennale.

Ovviamente potrà sempre redigerlo su base volontaria.

Non sono, invece, tenuti a compilare il rapporto gli Enti pubblici non economici e gli Enti locali.

Il rapporto dovrà essere compilato esclusivamente ricorrendo alla procedura telematica, disponibile sul portale dei servizi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, alla quale si potrà accedere tramite SPID oppure credenziali di Cliclavoro.

Il rapporto, inoltre, dovrà essere compilato seguendo le istruzioni fornite dalla Consigliera di Parità Regionale (Per la regione Lombardia: per informazioni scrivere a rapporto_biennale_consigliera@regione.lombardia.it ) e trasmesso, poi, alla stessa e alle rappresentanze sindacali aziendali.

TERMINI DI PRESENTAZIONE

La comunicazione biennale per le pari opportunità, salvo eventuali proroghe, dovrà essere presentata entro il 30 aprile dell’anno successivo al biennio considerato all’interno della comunicazione.

Qualora le aziende, tenute ad effettuare la comunicazione, non trasmettano il rapporto, la ITL (Ispettorato Territoriale del Lavoro) procederà con l’invito a procedere entro 60 giorni, pena la comminazione di una sanzione amministrativa e la sospensione dall’utilizzo dei benefici contributivi.


Iscriviti alla nostra newsletter settimanale cliccando sul pulsante in fondo a questa pagina per non perdere gli aggiornamenti in materia di lavoro.